Trionfo Napoli in Champions, 2-0 ai campioni d’Europa del Liverpool. Inter solo 1-1 con lo Slavia

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 17 Settembre 2019 23:11 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2019 23:11
Risultato gol Napoli Liverpool Inter Slavia Praga Champions League

Napoli Liverpool (foto Ansa)

ROMA – Torna la Champions League, tornano le emozioni per i tifosi delle squadre italiane. L’impresa di serata è del Napoli, la squadra allenata da Carlo Ancelotti ha vinto 2 a 0 contro i campioni d’Europa in carica del Liverpool iniziando alla grande il suo girone di Champions. Lo stesso non si può dire dell’Inter che ha dato vita ad una prestazione pessima contro il modesto Slavia Praga ed è riuscito a pareggiare l’incontro solamente al 91′ con una zampata di Barella. 

Tornando al Napoli, la squadra di Ancelotti è stata praticamente perfetta. Ha incontrato un Liverpool che in patria fa sfracelli e che ha già cinque punti di vantaggio sul Manchester City e lo ha limitato alla grande. L’unica vera occasione da gol del Liverpool è nata da una svirgolata di Manolas, stile Koulibaly contro la Juve, ma Meret ha salvato i suoi con una grandissima parata. 

Poi il Napoli ha raccolto i frutti del suo lavoro nella parte finale del match. All’81’, Callejon sfrutta una ingenuità di Robertson per guadagnarsi con mestiere un rigore. Dagli undici metri non sbaglia Mertens anche se Adrian l’aveva toccata… Al 91′, Llorente, entrato negli assalti finali, ha sfruttato uno svarione difensivo di Van Dijk per presentarsi davanti ad Adrian e batterlo con un bel tiro rasoterra (il portiere spagnolo aveva toccato anche questa conclusione…). 

Anche l’anno scorso il Napoli vinse 1 a 0 contro il Liverpool ma poi venne eliminato proprio all’ultima giornata dagli inglesi perché nel frattempo aveva perso terreno contro Stella Rossa e Psg. Il girone di quest’anno sembra più abbordabile perché Genk e Salisburgo sono avversarie inferiori al Napoli. 

La delusione del giorno è stata l’Inter. In un girone complicatissimo, formato anche da Barcellona e Borussia Dortmund, i nerazzurri hanno giocato malissimo, in casa, contro la cenerentola Slavia Praga.

L’Inter ha rischiato seriamente di perdere ma per fortuna Barella ha pareggiato i conti al 91′ con un bel diagonale deviato in rete dagli avversari. In sala stampa, Conte ha difeso i suoi ragazzi e si è preso tutte le responsabilità del caso per questa brutta prestazione. Per passare il turno, i nerazzurri dovranno ottenere risultati importanti contro tedeschi e spagnoli, serviranno prestazioni da Champions.

Champions League, risultati e gol delle partite di Napoli e Inter.

Napoli-Liverpool 2-0, gol: Dries Mertens su rigore all’81’ e Fernando Llorente al 91′.
Classifica: Napoli e Salisburgo 3, Liverpool e Genk 0. 

Napoli Liverpool gol Mertens

Napoli Liverpool, il gol di Mertens su rigore che ha sbloccato la partita (foto Ansa)

Debutto stagionale per il Napoli contro i campioni d’Europa in carica del Liverpool. Carlo Ancelotti ha schierato la sua squadra con il 4-4-2 con Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Insigne; Lozano e Mertens. 

Klopp ha schierato il suo Liverpool con il 4-3-3 con Adrian; Alexander-Arnold, Matip, Van Dijk, Robertson; Milner, Henderson, Fabinho; Salah, Firmino e Mané.

Napoli vicino al gol al primo affondo. Al 6′, Fabian Ruiz ha fatto esplodere un gran destro che è stato parato da Adrian. Partita bloccata tatticamente, al 33′ il Napoli ha cercato di andare al tiro con una bella combinazione tra Lozano e Insigne ma l’azione è stata sventata da una diagonale difensiva di Arnold.

Al 44′, Mario Rui è bravissimo ad intercettare un cross di Milner, in caso contrario il pallone sarebbe arrivato a Salah. Al 45′, Firmino ha colpito di testa a botta sicura con il pallone che è uscito di un soffio. Il primo tempo è terminato sul risultato di zero a zero. 

Al 49′, Adrian compie una parata miracolosa su un tiro a botta sicura, da due passi, di Mertens. Il calciatore belga aveva calciato al volo con il destro su cross di Mario Rui. Al 54′, Insigne ha perso una brutta palla avviando il contropiede del Liverpool. L’occasione è sfumata perché Mané ha passato male la palla a Salah. 

Al 64′, la svirgolata di Manolas si trasforma in un assist per Salah, il sinistro al volo dell’egiziano è stato deviato miracolosamente in corner da Meret. All’81’, l’arbitro ha concesso il rigore al Napoli per un intervento di Robertson su Callejon. Dagli undici metri non ha sbagliato Mertens anche se Adrian aveva toccato la sua conclusione. Al 91′, Llorente ha sfruttato uno svarione difensivo di Van Dijk per chiudere i giochi con un tocco con il destro sottomisura. E’ finita, il Napoli ha vinto 2 a 0 contro i campioni d’Europa in carica del Liverpool iniziando alla grande il suo girone di Champions. 

Inter-Slavia Praga 1-1, gol: Olayinka al 62′ e Barella al 91′.
Classifica: Barcellona, Dortmund, Inter e Slavia Praga 1. 

Debutto stagionale dell’Inter in Champions League. Antonio Conte ha deciso di puntare sul 3-5-2 con Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar; Candreva, Gagliardini, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro Martinez e Lukaku (recuperato dopo gli acciacchi fisici accusati contro l’Udinese). 

Lo Slavia Praga di Trpisovsky risponde con un 4-2-3-1 con Kolár; Coufal, Kúdela, Hovorka, Boril; Soucek, Husbauer; Masopust, Traoré, Stanciu e Olayinka. 

L’Inter è andato subito vicino al gol al 15′. Lukaku ha disorientato la difesa dello Slavia Praga con un movimento che ha liberato al tiro Lautaro Martinez. Il centravanti argentino ha fatto partire un bel diagonale di sinistro che è uscito di un soffio. 

Al 23′, i nerazzurri hanno sfiorato ancora una volta il gol. E’ stato il turno di Danilo D’Ambrosio che, dimenticato dalla difesa avversaria, ha colpito di testa a botta sicura ma ha dovuto fare i conti con una grande parata di Kolar. 

Al 32′, lo Slavia Praga ha creato la sua prima occasione da gol. Masopust è andato al tiro dalla destra ma non è riuscito ad inquadrare lo specchio della porta dei nerazzurri. Il primo tempo, è terminato sul risultato di zero a zero. I nerazzurri hanno provato a fare la partita ma lo Slavia si è difeso con ordine ed è ripartito bene in contropiede. 

Al 49′, Lautaro Martinez ha calciato a botta sicura da due passi ma il portiere dello Slavia Praga si è superato respingendo la sua conclusione in angolo. Poco dopo, Antonio Candreva è stato costretto al cambio per infortunio, al suo posto è entrato in campo Lazaro. 

Al 55′, l’arbitro è andato a consultare il VAR per una entrata in scivolata di Asamoah su Traore. Una volta rientrato in campo, non ha mostrato cartellini ai danni del calciatore nerazzurro. Slavia Praga in vantaggio al 62′, Olayinka ha segnato dopo una corta respinta di Handanovic su un tiro rasoterra di Soucek. 

Al 66′, Stanciu è andato vicinissimo al raddoppio. L’attaccante dello Slavia Praga ha calciato una grande punizione che è uscita di un soffio a Handanovic battuto. Al 70′, Masopust ha calciato indisturbato dal limite dell’area di rigore dell’Inter ma ha sparato alto sopra la traversa di Handanovic. 

All’83’, Kolar ha respinta malamente una conclusione centrale di D’Ambrosio ma è comunque riuscito ad evitare il gol. L’arbitro ha assegnato otto minuti di recupero. Al 91′, Sensi ha colpito la traversa su calcio di punizione, sulla ribattuta si è fiondato Barella che ha insaccato in rete con un bel destro angolato. 

Al 96′, Kolar ha compiuto una parata prodigiosa su un colpo di testa di Lukaku ma l’arbitro ha fermato successivamente l’azione per fuorigioco. E’ finita 1 a 1 a San Siro, il pari non può accontentare l’Inter perché è stato ottenuto in casa contro la cenerentola del girone di Champions. Barcellona e Dortmund saranno avversarie ben più dure.