Sciopero calciatori: si va verso la revoca

Pubblicato il 21 Settembre 2010 11:48 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2010 12:29

Probabile la revoca dello sciopero dei calciatori

Giancarlo Abete, presidente della Lega Calcio, si dice fiducioso: “Sono convinto che si troverà una soluzione per una revoca o una sospensione dello sciopero”.

Il clima, dopo le dichiarazioni di guerra a distanza, è notevolmente migliorato tra Assocalciatori e Lega calcio, merito soprattutto dei due presidenti, Campana e Beretta.

La sensazione diffusa è che gli italiani non resteranno senza calcio sabato e domenica.

Massimo Oddo, il principale portavoce di questa protesta, ha precisato: “Lo sciopero per ora è confermato.

Vediamo che succederà. Noi calciatori siamo i primi a sperare in un esito positivo. Il mio pensiero è quello di tutti, siamo amici fuori dal campo, chiamo Totti, Del Piero, Rocchi: tutti si sono resi conto che è un problema grave e abbiamo preso una decisione.

Ci riteniamo fortunati e non ci vogliamo paragonare ai lavoratori che si fanno un mazzo per 1.000 euro al mese. Ma non siamo degli animali o pacchi postali”.

”L’auspicio e’ che nel weekend si giochi, ma ancora non ci siamo messi d’accordo su nulla, fateci lavorare”.

Cosi’ il vicepresidente dell’Assocalciatori, Leonardo Grosso, all’ingresso della Federcalcio, dove oggi si terra’ l’ennesimo incontro con i rappresentanti della Lega di Serie A per il rinnovo del contratto collettivo e la revoca o la sospensione dello sciopero proclamato dall’Aic per sabato e domenica prossimi (5/a giornata di campionato).

Pochi minuti dopo l’ingresso in Figc di Grosso, sono entrati nella sede di via Allegri di Roma, anche il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, ed il direttore sportivo, Beppe Marotta.

Ancora da capire se la loro presenza sia legata alle questioni del contratto collettivo o piuttosto alla vicenda connessa alle intercettazioni di Calciopoli, che la Federcalcio ha acquisito direttamente dalla procura di Napoli.

”Speriamo che la giornata di oggi consenta di fare un passo avanti importante nella trattativa e che si arrivi a un rinvio o a un differimento dello sciopero in modo tale da non avere scadenze cosi’ ravvicinate”.

Lo ha dichiarato il presidente della Lega di serie A Maurizio Beretta all’ingresso in Federcalcio a Roma, dove a breve prendera’ il via un altro incontro con i rappresentanti dell’Assocalciatori per discutere del rinnovo del contratto collettivo e dello sciopero proclamato per la 5/a di campionato, il prossimo weekend. ”L’auspicio molto forte e’ che si arrivi a una conclusione positiva – ha aggiunto Beretta -.

L’ipotesi di spostare la gara del 6 gennaio? Vediamo, fa tutto parte di un discorso complessivo necessario per trovare un nuovo accordo”.