Spalletti-Caressa, scintille su Sky: “Icardi merita esclusione per come si è comportato. Mediare è umiliante”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 marzo 2019 23:25 | Ultimo aggiornamento: 1 aprile 2019 10:10
Spalletti-Caressa, scintille su Sky: "Icardi merita esclusione per come si è comportato. Mediare è umiliante"

Spalletti-Caressa, scintille su Sky: “Icardi merita esclusione per come si è comportato. Mediare è umiliante”

MILANO – L’Inter ha perso contro la Lazio con Luciano Spalletti che ha deciso di spedire in tribuna Mauro Icardi per punizione nonostante l’assenza per infortunio di Lautaro Martinez. Il caso Icardi è ancora caldo e sicuramente non è stato risolto, per questo motivo Luciano Spalletti si è scaldato, e non poco, con Fabio Caressa nel post partita di Inter-Lazio su Sky Sport.

Spalletti a Caressa: “Mediare con Icardi è umiliante”

“Mediare con un giocatore per farlo giocare e fargli vestire la maglia dell’Inter è umiliante. Oggi Mauro Icardi deve stare fuori per come si è comportato, è giusto giochino gli altri”. Lo ha detto ail tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, commentando l’esclusione di Icardi dalla partita persa con la Lazio. “Icardi poteva giocare dieci minuti, venti.
    Anche un tempo, ma oggi è giusto che giochino gli altri. Gli eventi ed i loro sviluppi sono facili da interpretare”, ha aggiunto Spalletti, che si è inalberato quando gli è stato chiesto se la presenza in campo dell’argentino avrebbe evitato il koo. “Quante partite come questa abbiamo perso con Icardi in campo? Poi al giorno d’oggi sono solo Messi e Ronaldo che fanno al differenza. La mediazione – ha insistito – è una cosa umiliante per i tifosi interisti, che si debba intervenire per convincere uno a vestire la maglia dell’Inter. Allora adesso cosa dovrei fare? Scrivo 20 mail a ciascuno degli avvocati dei giocatori per capire se posso convocarlo o meno?”.

Prima della partita, l’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta si era schierato dalla parte di Luciano Spalletti contro Mauro Icardi: ”Icardi? Non si può dire nulla a Spalletti, ha agito per il bene dell’Inter”.”Stimo moltissimo Nicoletti per la sua professionalità, ma non si può pretendere che l’avvocato sappia prima di tutti o tanti i convocati, è fantacalcio – ha aggiunto Marotta -. Quando usciremo da questa situazione? Ne siamo già usciti, perché il reinserimento avviene gradualmente. Il tecnico ha il diritto di scegliere i giocatori da mandare in campo e convocare”.