Black out Rai: salta il segnale per esplosione di batterie a Saxa Rubra

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 giugno 2018 23:41 | Ultimo aggiornamento: 12 giugno 2018 23:41
Rai, black out per esplosioni a Saxa Rubra: Acea ripara guasto

Black out Rai: salta il segnale per esplosione di batterie a Saxa Rubra

ROMA – Tre batterie esplose nella centrale elettrica di Saxa Rubra hanno provocato il black out delle trasmissioni Rai intorno alle 20.25 del 12 giugno. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Le trasmissioni delle tre reti dell televisione pubblica si sono improvvisamente interrotte e solo dopo 5 minuti dall’intervento di Acea la situazione è tornata alla normalità.

Su Rai1 era in corso il Tg1 delle 20, che stava mandando in onda un servizio sul Gay Pride, quando lo schermo è diventato nero, provocando numerose reazioni dei telespettatori sui social network. Lo stop è durato circa cinque minuti tanto che il Tg2 è riuscito a iniziare regolarmente, come gli altri programmi di prima serata. E’ tornato prima il segnale di Rai3, poi quello di Rai2 ed infine quello di Rai1. In una nota la tv pubblica ha dichiarato:

“Per un grave e imprevedibile guasto tecnico che si è verificato questa sera con l’esplosione di tre batterie della centrale elettrica di Saxa Rubra, è saltato più volte il segnale di Rai1, Rai2 e Rai3. Sono in corso le verifiche per accertare cause e responsabilità. La Rai si scusa con tutti i suoi telespettatori per il disservizio”.

I tecnici sono a lavoro per comprendere cosa abbia provocato questo black out e intanto il segnale è stato riattivato grazie all’utilizzo di gruppi elettrogeni, salvo poi risanare il guasto e ripristinare la corrente elettrica. Il direttore generale Mario Orfeo intanto si è recato a Saxa Rubra per gestire l’emergenza e assicurarsi che la ripresa delle trasmissioni avvenisse senza intoppi.

Tanti i commenti sui social, tra stupore e ironia. A dare la conferma del guasto è stata la giornalista del Tg2 Manuela Moreno, che ha scritto su Twitter: “Siamo in #blackout #rai”. Sul social network è stato lanciato anche l’hashtag #Raidown, che ha subito scalato la classifica dei trending topics italiani. Tra i numerosi commenti ironici, molti dei quali imputavano il black out a una scelta del ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Dopo i porti Salvini chiude pure la #Rai #Raidown”, ha scritto un utente.

Diversi altri hanno preso spunto dalle parole del ministro questa sera a Otto e Mezzo: “Alcuni telegiornali della Rai – ha detto Salvini – sembrano quelli degli anni ’20 e degli anni ’30. Lo dico da giornalista, in queste settimane sto vedendo un’opera di disinformazione a reti quasi unificate che non ha precedenti in Italia”. “Ma è del tutto casuale – si è chiesto un altro utente – che questo #raidown, sia capitato proprio mentre su La7 Salvini screditava i giornalisti?”.