Domenica In, Maurizio Costanza caccia regista: Troppi errori

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Ottobre 2015 22:03 | Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre 2015 22:03
Domenica In, Maurizio Costanza caccia regista: Troppi errori

Domenica In, Paola Perego e Salvo Sottile (Foto LaPresse)

ROMA – Calano gli ascolti a Domenica In e Maurizio Costanzo, neodirettore artistico del format di Rai 1, ha cacciato la regista. Per Costanzo sono stati troppi gli intoppi durante la prima puntata del programma in diretta e così ha deciso di cambiare l’organigramma tecnico a cominciare proprio dalla regista.

Una decisione che però ha fatto infuriare l’associazione Rai Bene Comune – Indignerai, che in un comunicato stampa punta il dito contro Costanzo e il programma, ritenuto un format ormai vecchio e presentato da Paola Perego e Salvo Sottile:

“Al seguito del solito circo Barnum domenicale a spese del cittadino c’è poi l’infinita lista di costosi pseudo autori, confusionari e poco pratici di televisione. Quanto basta insomma per fare il peggio possibile con l’immagine della Rai a discapito dei telespettatori.

Unica nota positiva: la regia affidata a una regista interna Rai di provata esperienza e capacità, ma con l’unico difetto di non avere “santi in paradiso” e di costare un normalissimo stipendio da impiegata. Come da copione un’armata Brancaleone cosi composta non può produrre qualcosa di interessante per il pubblico e gli ascolti lo testimoniano.

Lo stesso vecchio “copione” prevede che quando gli ascolti vanno male è sempre colpa del regista, delle luci, della scena, delle cavallette, della gomma bucata, del raffreddore o del pubblico ignorante ma mai e poi mai dei contenuti, dei conduttori, né tanto meno degli autori. No! Loro non possono sbagliare, loro sono un vulcano di idee, peccato siano sempre le stesse da anni, come gli stessi siano i loro nomi, ormai più vecchi delle idee che hanno. Per alcuni di essi la televisione è solo un elettrodomestico in vendita nei centri commerciali”.