Niccolò Agliardi a 20 anni che siamo italiani: la paternità a tempo, il duetto con Vanessa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Dicembre 2019 11:25 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2019 12:16
Niccolò Agliardi ospite di 20 anni che siamo italiani: la paternità a tempo, il duetto con Vanessa

Niccolò Agliardi e Vanessa Incontrada duettano a 20 anni che siamo italiani

ROMA – Niccolò Agliardi ospite a 20 anni che siamo italiani, su Rai Uno, ha parlato della propria situazione familiare: “Sono un papà affidatario, questo vuol dire accettare essere papà per un po’. Per la legge almeno, la mia sensazione è che lo sarò per sempre”. L’attore ha spiegato di aver ricevuto in affido un adolescente di 17 anni di nome Federico, che ora è maggiorenne; poi, nel 2019, è entrato nella sua vita un altro ragazzo di 14 anni.

Della sua particolare paternità Agliardi aveva già parlato in una intervista a Vanity Fair: “Quando ti scatta il senso di paternità non torni più indietro, non riesci a dire dopo 20 giorni “ok ho sbagliato, basta”. Diventi un punto di riferimento imperituro e costante”.

Niccolò Agliardi e il duetto con Vanessa Incontrada.

Agliardi, nel corso della trasmissione, ha duettato con Vanessa Incontrada, sulle note del brano Di cosa siamo capaci (brano interpretato dalla coppia anche nella versione originale). All’uscita del singolo, i due avevano spiegato a Tv Sorrisi e Canzoni:

«Nasce perché credo nella famiglia, in quella più tradizionale e anche in quella più fantasiosa. Cantiamo sotto lo stesso tetto e sotto nessuna bandiera. Le persone che si scelgono con intelligenza e anima non hanno bisogno di etichette e definizioni. Il brano nasce due anni fa, originariamente solo per una voce ma ad un certo punto è arrivata una bella ragazza che mi ha detto che voleva cantarla con me (sorride)» ci racconta Agliardi.

«Non sono una cantante ma mi piace molto farlo. Mi sono sentita subito protetta in una situazione che non conoscevo. In più, la canzone è meravigliosa e siamo diventati anche amici» commenta Vanessa. (Fonti: Rai, Vanity Fair, Tv Sorrisi e Canzoni).

In questo articolo parliamo anche di: