Canada, spari al discorso della neo-premier del Quebec, Pauline Marois: un morto

Pubblicato il 5 settembre 2012 8:00 | Ultimo aggiornamento: 5 settembre 2012 16:27

MONTREAL (CANADA) – Una persona è morta e un’altra è stata ferita da un uomo che ha sparato durante il primo discorso pubblico del nuovo premier del Quebec, Pauline Marois, a Montreal. Il comizio è stato bruscamente interrotto. Marois è stata portata via dal palco dalle sue guardie del corpo.

L’uomo è stato arrestato dalla polizia. Poco prima aveva anche tentato di incendiare la sala da concerto in cui Marois, prima donna a guidare il governo del Quebec, festeggiava la sua vittoria.

L’uomo avrebbe cominciato a sparare subito dopo che il nuovo primo ministro ha detto “il futuro del Quebec, è quello di diventare un Paese sovrano”. Maoris ha detto che governerà per tutti i cittadini del Quebec, ma ha riaffermato il suo desiderio che la provincia canadese diventi un Paese indipendente.

Secondo quanto ha riportato la televisione canadese, mentre veniva fatto salire sull’auto della polizia l’uomo avrebbe gridato: “Gli inglesi si stanno risvegliando”.

(LaPresse)

I separatisti del Quebec (del Pq, Parti Quebecois) hanno vinto di misura le elezioni legislative, sconfiggendo i liberali del premier uscente, Jean Charest, al governo da nove anni. Tornano quindi al potere dopo una lunga opposizione e, per la prima volta nella storia della provincia canadese francofona, con una donna come leader. Per i separatisti si è trattato di una vittoria di misura, che non consentirà alla leader del Pq e futuro premier di guidare un governo maggioritario.