Coronavirus, come cambia il saluto in giro per il mondo VIDEO-FOTO. Niente baci e strette di mano

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Marzo 2020 13:48 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2020 15:33
ambasciata francia saluto coronavirus

Il video delle due dipendenti dell’ambasciata di Francia

ROMA – Ai tempi del coronavirus cambia anche il modo di salutarsi. Per evitare i contagi, niente più strette di mano, stop agli abbracci e ai baci, anche la tradizionale “bise” scambiata da molti francesi va in soffitta.

Meglio un saluto toccandosi con gomiti o i piedi. Sui social è diventata virale il video del presidente tanzaniano John Magufuli che saluta col piede il leader dell’opposizione Maalim Seif Sharif Hamad, invece della solita stretta di mano. A postarlo è stata la presidenza della Tanzania, sottolineando che anche il capo dello Stato osserva le nuove misure varate dal ministero della Sanità per evitare il propagarsi del coronavirus.

Video Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev

 

 

All’ambasciata francese a Londra, le dipendenti hanno inventato anche loro un nuovo modo per salutarsi la mattina in ufficio. Nel video diffuso sull’account Twitter @FranceintheUK si vedono una donna al pc, un’altra che entra nella stanza e le due si salutano usando gomiti e piedi, dicendosi “Salut, tu vas bien?” (“Ciao, come stai?”). Alla fine della clip di pochi secondi appare il messaggio “Scambiate l’amicizia. Non il virus” con gli hashtag WashYourhands e AvoidContact.

coronavirus ambasciata francia

Il video delle due dipendenti dell’ambasciata di Francia

Ma le idee si moltiplicano. La Nba (la Lega professionistica di basket americana) ha emenato un vademecum con dieci consigli per evitare il più possibile il rischio di diffusione dell’epidemia. Non si fanno autografi su foto, maglie o simili ma soprattutto non si dà il cinque.

Prende quota anche il “namastè”, il saluto indiano con le mani giunte e i palmi che si toccano con le dita all’insù. In Italia è diventato un tormentone quando “Occidentali’s Karma” di Francesco Gabbani ha vinto il Festival di Sanremo, tre anni fa. Ma ora dall’India arrivano appelli a rilanciare l’uso di questo saluto tradizionale come alternativa alla stretta di mano. Una star di Bollywood, l’attore Anupam Kher, ha postato un video su Twitter in cui raccomanda il namastè: “E’ igienico, amichevole e focalizza le tue energie: Provalo”. In tantissimi hanno condiviso e rilanciato il suggerimento, compreso il noto giornalista Gaurav Sawant del canale tv India Today TV. Molto diffuso nello yoga, il saluto indiano con le mani giunte deve il suo nome alle parole Namas (saluto, inchino) e Te (a te).

Fonte: Agi, YouTube, Twitter