George Floyd, donna bianca si inginocchia davanti alla polizia di New York VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Giugno 2020 13:31 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2020 13:31
George Floyd, donna bianca si inginocchia davanti alla polizia di New York VIDEO

George Floyd, donna bianca si inginocchia davanti alla polizia di New York

NEW YORK – Una donna bianca inginocchiata davanti alla polizia di Brooklyn. E’ una delle potenti immagini che arrivano dagli Usa, mentre proseguono le proteste contro il razzismo per esprimere rabbia per la morte di George Floyd.

In queste ore a New York una nuova, imponente manifestazione invade le strade. Migliaia di persone sono scese in piazza, in particolare a Manhattan e a Brooklyn.

Sono già stati registrati alcuni momenti di tensione e un’auto è stata bruciata vicino a Union Square, ma non sono stati segnalati incidenti particolari per ora. 

Sabato sera, invece, è finita in manette anche Chiara de Blasio, la figlia 25enne del sindaco di New York.

La giovane è finita in manette dopo che la polizia ha dichiarato illegale un assembramento tra la 12ma strada e Broadway, dove erano scoppiati alcuni tafferugli ed erano state bruciate auto delle forze di sicurezza. 

Due avvocati sono stati arrestati per un attacco con molotov ad un’auto della polizia. Si tratta di Urooj Rahman, 31 anni, legale per i diritti umani, e Colinford King Mattis (32), socio di uno studio legale e laureato a Princeton. 

Mentre l’America continua a bruciare di rabbia, la protesta si è estesa anche a Toronto, Londra e Berlino e ha coinvolto le star dello sport e anche uno spot della Nike.

Nell’ultima notte sono proseguiti gli scontri con la polizia, le violenze, i saccheggi, gli incendi e gli atti vandalici, che nel sud del Paese hanno travolto anche i monumenti confederati, considerati simbolo dell’epoca schiavista e suprematista bianca.

Il bilancio registra anche un morto e due feriti a Indianapolis, dopo l’esplosione di alcuni colpi d’arma da fuoco, mentre a Jacksonville, in Florida, un agente è stato pugnalato al collo ed è ricoverato in ospedale.

A Minneapolis, epicentro della rivolta, il corpo di un uomo è stato trovato vicino ad un’auto bruciata ma non è ancora chiaro se l’episodio sia legato alle proteste.

Fino a sabato, secondo un calcolo dell’Ap, erano state arrestate complessivamente quasi 1.400 persone in 17 città Usa, di cui 533 a Los Angeles. Ma dopo questa altra lunga notte il numero è destinato a salire.

Solo a New York, dove un Suv della polizia è stato lanciato contro la folla, sono finiti in manette 345 dimostranti dopo che in migliaia hanno invaso ovunque la Grande Mela, compresa la Trump Tower a Manhattan. (Fonte: Ansa).