Video

YOUTUBE Italia-Svezia, Lustig insulta gli italiani alla fine dell’inno: “Fighette…”

Italia-Svezia-insulto-Lustig

Italia-Svezia, Lustig insulta gli italiani alla fine dell’inno: “Fighette…”

STOCCOLMA – “Jävla fittor är dom“. Così Mikael Lustig ha risposto ai fischi dei tifosi a San Siro, durante l’inno della Nazionale svedese. Un’espressione da caserma e pure volgarissima che gli svedesi usano per denigrare la virilità di un uomo. Tradotta equivale a un invito ai suoi compagni di squadra a sodomizzare “le fighette” italiane.

L’insulto irripetibile, che in pochi hanno colto dinanzi alle telecamere, durante la partita che ha sancito l’eliminazione dell’Italia dal mondiale, non è certo passato inosservato in patria. E così il difensore svedese, al ritorno da San Siro non ha raccolto solo gli onori del risultato conseguito ma pure una dura reprimenda da parte di molti connazionale.

Nella civilissima Svezia, pur condannando i fischi dei tifosi italiani, nessuno gli ha perdonato il linguaggio incivile. “Dovrebbe essere un modello da seguire”, hanno scritto i giornali, che sull’accaduto hanno persino chiamato in causa la moglie del calciatore, chiedendole se quello fosse lo stesso linguaggio usato nel focolare domestico.

To Top