No Tav, la polizia sfonda il presidio dei manifestanti: il video

Pubblicato il 29 Giugno 2011 9:42 | Ultimo aggiornamento: 29 Giugno 2011 16:40

CHIOMONTE (TORINO) – I manifestanti No Tav descrivono gli scontri con le forze dell’ordine a Maddalena di Chiaromonte del 27 giugno: “Hanno lanciato 50 candelotti di fila su 600 persone. Mi sembra un po’ difficile fare resistenza passiva in queste condizioni”.

La polizia  tenta fin dalle prime ore della mattina  di sfondare il presidio, I manifestanti urlano “vergogna”, “giù le mani dalla Val Susa”.

Insulti, spintoni, feriti da entrambe le parti. C’è anche chi  scappa da una tenda del presidio che ha preso fuoco perché colpita da un candelotto. “”C’è un’ordinanza del prefetto che requisisce la strada – spiega un militante No Tav -, ma quest’area è stata affittata dalla Comunità montana e non interferisce con i lavori cantiere”.

Le forze dell’ordine  militarizzano la strada ” Un’operazione sciagurata che viola tutte le regole”aggiunge un altro manifestante. “Non sono ancora scaduti i termini di esproprio dell’area – spiega -, quest’azione è illegale: chiederemo un sequestro del cantiere”.

Il servizio di  il Fatto Quotidiano di Lorenzo Galeazzi e Cosimo Caridi: