VIDEO YouTube. Disperso in un bosco senza Gps? Ecco come sopravvivere

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 giugno 2015 12:07 | Ultimo aggiornamento: 1 giugno 2015 12:07
VIDEO YouTube. Disperso in un bosco senza Gps? Ecco come sopravvivere

VIDEO YouTube. Disperso in un bosco senza Gps? Ecco come sopravvivere

ROMA – Stai facendo un’escursione e ti perdi nel bosco? La prima reazione è estrarre il telefono cellulare dalla tasca e attivare il Gps. Peccato però che nel bel mezzo della natura, e nel luogo in cui ti trovi, non ci sia né segnale per chiamare aiuto, né Gps per farti trovare. Oppure ti sei perso e il tuo telefono è scarico, quindi inutilizzabile. Niente paura, dice la guida di sopravvivenza di b, generalmente il 90% delle persone che si perdono nei boschi vengono trovate nelle prime 24 ore. Se poi volete avere qualche chance in più, ecco che arrivano i loro pratici consigli.

Il primo consiglio della “Guida per sopravvivere a ogni cosa” di Lonely Planet è quella di lasciare delle tracce. Pezzi di indumento, pietre spostate o segni sugli alberi: trovate un modo per segnare il vostro passaggio così che chi vi cerca abbia un indizio e di riconoscere se state camminando in tondo, magari passando più e più volte nello stesso posto.

Se mentre cammini in avanti ti rendi conto che il posto diventa sempre meno familiare e non ti senti sicuro, torna indietro e ripercorri le tracce lasciate. Poi riparti cercando di orientarti, utilizzando due semplici e sicuri metodi, validi da ben prima che Gps e cellulari fossero inventati. Segui il sole nel cielo per riconoscere i punti cardinali di giorno, e le stelle di notte proprio come facevano gli antichi esploratori.

5 x 1000

E se sei nel dubbio più totale e trovi un corso d’acqua, seguilo nella direzione della corrente: i torrenti e i fiumi che scorrono confluiscono in qualcosa, che sia un fiume più grande o un lago, troverai prima o poi un centro abitato sul tuo cammino o qualcuno a cui chiedere aiuto.