Giappone/ luci e ombre

Pubblicato il 30 Aprile 2009 10:15 | Ultimo aggiornamento: 30 Aprile 2009 12:16

Ne dà notizia l’Agi, la Boj – Banca centrale del Giappone, prevede  una contrazione del 3,1% per l’economia nipponica nell’esercizio 2009-10, che terminerà a marzo e  corregge la sua precedente stima di -2%.  Per l’anno successivo si prevede una ripresa e una crescita dell’1,2%.

La Boj  ha, inoltre, lasciato i tassi di interesse invariati allo 0,1% e ha deciso di non adottare alcuna nuova iniziativa di politica monetaria.
La decisione, come ampiamente previsto, è stata presa all’unanimità.

L’istituto aspetta di valutare se le misure finora adottate per allentare le tensioni sul credito stiano avendo un effetto e siano riuscite ad attutire le ricadute della peggior recessione che il Paese vive dalla seconda guerra mondiale.

In merito alla  produzione industriale in Giappone , che riprende a salire a marzo, dopo sei mesi di calo, l‘output cresce dell’1,6% mensile.

Secondo le previsioni degli imprenditori la produzione industriale dovrebbe salire di un altro 4,3% ad aprile e del 6,1% a maggio.
Su base annuale la produzione industriale di marzo cala del 34,2%.

Intanto, il colosso giapponese Fujitsu annuncia una perdita netta di 112,4 miliardi di yen (1,15 miliardi di dollari) nell’esercizio 2008-09 terminato a marzo.
L’anno precedente aveva registrato un utile di 48,1 miliardi di yen.

Il profitto operativo cala del 66,5% a 68,77 miliardi di yen, mentre il fatturato arretra del 12% a 4.690 miliardi yen.
La compagnia si aspetta di tornare in utile nel corso dell’esercizio 2009-10 e prevede un profitto netto di 20 miliardi di yen e un utile operativo di 80 miliardi di yen.