Matteo Renzi. Donne pasdaran: Deborah Serracchiani mette in imbarazzo il Pd

Pubblicato il 24 gennaio 2014 8:21 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2014 13:21
Matteo Renzi. Donne pasdaran: Serracchiani, Bonafé, Di Giorgio le ante marcia

Deborah Serracchiani. A lei è toccato l’attacco a Zanonato

Alla corte di Matteo Renzi prosperano le donne pasdaran.  È la volta di Deborah Serracchiani, che segue a ruota Simona Bonafé e Rosa Maria Di Giorgio, che l’hanno preceduta a buon diritto nell’albo d’oro.

A lei è toccato di chiedere le dimissioni di Flavio Zanonato da ministro dello Sviluppo.  Non che Zanonato non meriti di essere mandato a casa. In quasi un anno al Governo, non ha fatto praticamente nulla se non produrre qualche titolo di assolute banalità su questo o quel giornale.

L’uscita della Serracchiani ha messo in imbarazzo un po’ anche il Pd. Mai si era visto uno scontro istituzionale a questo livello, un presidente di Regione chiedere le dimissioni di un ministro appartenente allo stesso partito.

Se ne sono resi conto e Lorenzo Guerini, portavoce della segreteria del Pd, ha dovuto dare una spiegazione un po’ improbabile:

“E’ solo un caso regionale tra un presidente di Regione e un ministro”.

Deborah Serracchiani segue a ruota Simona Bonafé e Rosa Maria Di Giorgio.

Simona Bonafé aveva sbarellato quando qualcuno si era permesso di criticare il sistema elettorale che Denis Verdini, Gran Maestro di Forza Italia, aveva imposto a Matteo Renzi per conto di Berlusconi.

Rosa Maria Di Giorgio, senatrice di Firenze, ultra renziana, aveva randellato Gianni Cuperlo, reo di lesa maestà.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other