Woody Allen, ossessione minorenni: il Washington Post spulcia gli appunti di una vita

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 gennaio 2018 9:16 | Ultimo aggiornamento: 5 gennaio 2018 9:28
woody-allen-minorenni

Woody Allen, ossessione minorenni: il Washington Post spulcia gli appunti di una vita

ROMA – Woody Allen, ossessione minorenni: il Washington Post spulcia gli appunti di una vita. Ossessionato dalle minorenni, proprio come i personaggi dei suoi film: il Washington Post pubblica oggi estratti dai 56 scatoloni di carte consegnate da Woody Allen a Princeton. Decenni, per l’esattezza 57 anni, di appunti e copioni mai realizzati rivelano quanto molti avevano sospettato: per il regista che sul set di “Manhattan” rubò il primo bacio all’allora sedicenne Mariel Hemingway, quella delle ragazzine è stata una sorta di attrazione fatale.

Le carte, conservate nella sezione libri rari della Firestone Library, “sono piene di commenti lascivi e misogini”, scrive il giornalista Richard Morgan spiegando di esser stato il primo a consultare l’intero archivio Allen da cima a fondo. “Woody è stato finalmente smascherato”, ha commentato su Twitter l’attrice Rose McGowen, in prima linea nel movimento #MeToo.

Morgan non nasconde il suo disprezzo per il cineasta: “Allen che è stato candidato 24 volte agli Oscar, non ha mai avuto bisogno di idee che andassero oltre il concetto dell’uomo licenzioso e della sua bella conquista: un’unica idea che gli ha fruttato molto nella sua lunga carriera”.

Le sceneggiature, spesso freudiane, si attengono quasi religiosamente a una formula: una relazione sull’orlo del fallimento viene gettata nel caos dall’arrivo di una giovane donna. L’oggetto del desiderio dell’uomo adulto e a volte maturo di copioni e stesure preliminari di racconti hanno età variabile tra i 16 e i 18 anni come la vicina diciassettenne di “consider Kaplan” concupita dal vicino 53enne in un ascensore di Park Avenue.

In una bozza per il New Yorker del 1977 un 45enne è affascinato dalle studentesse del City College di New York. A margine del dialogo, Woody scrive, e poi cancella, le parole “c’est moi”, sono io. E’ la prima volta, da quando è scoppiato lo scandalo Harvey Weinstein, che i media Usa puntano i riflettori su Woody Allen nonostante il regista, subito dopo le accuse rivolte al boss della Miramax, avesse esortato a evitare una “caccia alle streghe”.

Allen, che negli anni Novanta è stato accusato da una figliastra Dylan di averla molestata e che ha poi sposato l’altra figliastra Soon-Yi, è il padre biologico di Ronan Farrow, il giornalista che ha fatto lo scoop su Weinstein per il New Yorker.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other