Al Bano e l’Ucraina, incontro con l’ambasciatore. Pace fatta con Kiev

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 8 aprile 2019 11:29 | Ultimo aggiornamento: 8 aprile 2019 11:29
Al Bano e l'Ucraina, incontro con l'ambasciatore. Pace fatta con Kiev

Al Bano e l’Ucraina, incontro con l’ambasciatore. Pace fatta con Kiev (Foto Ansa)

MILANO – Pace fatta tra Al Bano Carrisi e l’Ucraina. Il cantante pugliese ha incontrato l’ambasciatore di Kiev dopo che il Paese ex sovietico lo aveva inserito nella sua blacklist dei potenziali nemici dello Stato per via della vicinanza alla Russia di Vladimir Putin. 

Al Bano non aveva gradito e si era subito dichiarato un “uomo di pace”, difeso anche dalla compagna Loredana Lecciso. L’ambasciatore ucraino a Roma, Yevhen Perelygin, aveva commentato l’inserimento del suo nome nella lista nera spiegando: “Sono disponibile sin da subito ad accogliere Albano Carrisi e spiegare meglio il motivo per cui è pericoloso per gli artisti, soprattutto per quelli molto conosciuti, flirtare con i regimi dittatoriali sanguinari sia che si tratti del Cremlino, della Siria o di altri Paesi. Vorrei fare un tentativo di convincerlo che la tesi propagandistica russa sul ‘ritorno della Crimea nella Russia’ di fatto legittima ed incoraggia l’invasione militare russa in Crimea ed in Donbas nonché allontana la pace in Ucraina”.

Nei giorni scorsi l’ambasciatore ha incontrato Al Bano, e l’esito è stato quello sperato: “E’ stato un incontro interessante con l’ambasciatore, ha spiegato il cantante all’AdnKronos. Ci siamo trovati d’accordo su molti punti. Uscirà ora un comunicato ufficiale da parte dell’Ambasciata. Riguardo al futuro e a una prossima pianificazione bisognerà aspettare almeno altre due settimane, in attesa che si concludano le elezioni presidenziale in Ucraina”. (Fonti: Il Tempo, AdnKronos)