Attentati Parigi, gli eroi Ludovic Boumbas e Romain Ranouil

Pubblicato il 17 Novembre 2015 7:00 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2015 19:50
Attentati Parigi, gli eroi Ludovic Boumbas e Romain Ranouil

Ludovic Boumbas

PARIGI – Non solo terroristi e assassini. Nella Parigi sotto attacco c’erano anche dei comuni, semplici eroi. Come Ludovic Boumbas, 40 anni, originario del Congo. E come Romain Ranouil, francese di 48 anni.

Ludovic quella sera si trovava al ristorante La Belle Equipe per festeggiare il trentacinquesimo compleanno di un’amica, Houda. Era lì insieme ad altri invitati, come Halima, Khaled e Bashir. Quando il terrorista ha iniziato a sparare lui si è gettato davanti ad un proiettile che era destinato ad un’altra cliente del bar, una donna che lui non conosceva nemmeno. E per quel gesto ha perso la vita.

Romain nel ristorante La Belle Equipe faceva il barista. Quella notte terribile, quando tutti coloro che erano in grado di farlo erano fuggiti appena avevano potuto, lui, pur non essendo ferito, ha deciso di fermarsi nel locale insieme ai feriti. Almeno per tenere loro compagnia.

“Penso che nessuno dovrebbe morire da solo, così sono andato a stringere le loro mani, a parlare con loro”, ha raccontato Romain al Daily Mail. Tra quei feriti c’era anche una ragazza di appena vent’anni. Aveva una ferita aperta che non lasciava speranze. Romain si è inginocchiato accanto a lei e le ha parlato: “Le ho detto di non muoversi e di fare respiri profondi. Lei non si lamentava, mi fissava negli occhi e a un certo punto lo sguardo si spense. Ricorderò quegli occhi per il resto della mia vita”.