Coronavirus in Spagna, palaghiaccio diventa obitorio. Epidemia più veloce che in Italia VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Marzo 2020 19:51 | Ultimo aggiornamento: 24 Marzo 2020 19:51
Coronavirus in Spagna, palaghiaccio diventa obitorio: già 40mila contagi

Coronavirus in Spagna, palaghiaccio di Madrid viene trasformato in obitorio (Foto ANSA)

ROMA – Il palazzo del ghiaccio di Madrid che viene trasformato in un obitorio per le vittime del coronavirus in Spagna. Questa l’immagine di come l’epidemia si sta diffondendo velocemente nel Paese, più che in Italia. I contagi sono già arrivati quasi a 40mila casi, con oltre 2mila morti.

Il ministero della Sanità spagnolo il 24 marzo ha reso noto che il numero dei casi ha raggiunto quota 39.673. A livello nazionale 2.636 pazienti sono in terapia intensiva, altre 3.794 sono guarite. La regione di Madrid è la più colpita con 1.535 morti e 12.352 contagiati. Il governo spagnolo ha annunciato che il numero dei morti provocati dal coronavirus nel Paese è salito a quota 2.696, ben 514 in più rispetto a ieri.

Per questo motivo il Palaio de Hielo, palazzo del ghiaccio che si trova nel distretto di Hortaleza, è stato trasformato in un obitorio temporaneo. Il consiglio comunale di Madrid ha spiegato: “Considerato il progressivo aumento del numero dei defunti e l’impossibilità degli obitori di garantire la sepoltura entro il periodo stabilito, la società concessionaria Ice Palace ha ceduto le sue strutture per ospitare questi corpi in attesa che la situazione torni gestibile”.

La situazione è grave anche per gli operatori sanitari. In due giorni in spagna sono stati contagiati 2mila operatori, per un totale di 5400 contagi, anche per la carenza delle protezioni necessarie. L’allarme è stato lanciato da Fernando Simon, direttore del centro di coordinamento delle emergenze del ministero della Salute, come riporta El Mundo.

Simon ha ipotizzato che “i primi due o tre focolai negli ospedali abbiano colpito maggiormente il personale sanitario” e parlato della mancanza di protezioni perché “i problemi di accesso al mercato si stanno verificando a livello globale, non c’è una facile disponibilità, stiamo lavorando per risolvere la situazione”.

Gravissima anche la situazione nelle case di riposo. I militari spagnoli schierati per aiutare nella lotta contro l’epidemia di coronavirus hanno trovato pazienti anziani abbandonati nelle case di riposo del Paese e, in alcuni casi, morti nei loro letti, come denunciato dal ministero della Difesa.

I pubblici ministeri spagnoli hanno avviato un’indagine a riguardo, come riporta la Bbc. Il ministro della Difesa spagnola, Margarita Robles, ha dichiarato che il governo “sarà severo e poco flessibile per quanto concerne il modo in cui le persone anziane vengono trattate” nelle case di riposo. 

(Fonte ANSA e YouTube)