Grecia, 54enne picchia a morte cittadino britannico di 40 anni: era l’amante della moglie

di Caterina Galloni
Pubblicato il 29 Novembre 2019 6:11 | Ultimo aggiornamento: 29 Novembre 2019 0:21
grecia foto ansa

Foto Ansa


ROMA – Il 40enne britannico Iain Armstrong è morto a Vathy, sull‘isola greca di Itaca, dopo essere stato preso a pugni sul volto dal 54enne Kostas Skarmeas. Secondo quanto riportato dai media locali, Skarmeas aveva scoperto la relazione con l’ex moglie e temeva che lei lasciasse l’isola portando con sé la loro figlia di otto anni. 
 
Il 54enne proprietario di un supermercato, aveva affrontato Armstrong davanti all’hotel dove alloggiava, lo aveva aggredito e la moglie, presente al pestaggio gli aveva chiesto se avesse bisogno di un medico ma lui, secondo quanto ha raccontato alla polizia, ha rifiutato. Il giorno successivo, quando la donna si è recata all’Hotel Familia, Armstrong era morto.
 
Secondo i report locali, dall’autopsia è emerso che il 40enne, di Belton vicino a Great Yarmouth, Norfolk, un account manager per una società di software, era morto a causa di un‘emorragia cerebrale. Alla polizia Skarmeas avrebbe riferito di aver dato due pugni ad Armstrong e di provare rimorso; è stato arrestato con l’accusa di aver provocato un infortunio mortale. Arrestata anche la moglie, che si ritiene abbia un passaporto sudafricano.
 
Alla polizia la donna ha raccontato che Armstrong era un vecchio amico che l’aveva sempre sostenuta quando era alle prese con i problemi matrimoniali e che era arrivato in Grecia per incontrarla. Avevano iniziato una relazione durante il soggiorno a Itaca, successivamente era andato a Cefalonia ma era tornato sull’isola perché lei aveva raccontato che l’ex marito la seguiva e l’aggrediva. Poi lo scontro tra Skarmeas ed Armstrong che ha causato la morte del 40enne.
 
Fonte: Daily Mail