Bellona (Caserta), Davide Mango uccide la moglie e spara dal balcone. Poi si toglie la vita

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 gennaio 2018 20:53 | Ultimo aggiornamento: 22 gennaio 2018 23:33
Bellona-davide-mango

Davide Mango (Foto Twitter)

CASERTA – Uccide la moglie, poi dal balcone spara e ferisce cinque passanti. E infine, dopo essersi barricato in casa per alcune ore, si è tolto la vita poco prima dell’irruzione dei carabinieri.

Paura a Bellona, in provincia di Caserta. Nel pomeriggio di lunedì 22 gennaio un uomo di 48 anni, Davide Mango (in questa foto pubblicata sui social posa con una bandiera di Forza Nuova), guardia giurata, si è affacciato al balcone del suo appartamento, ha gridato di aver ucciso la moglie e ha iniziato a sparare verso la strada con un fucile. Cinque i feriti.

La figlia di 14 anni è riuscita a scappare e ha gridato disperata per strada: “Mamma è a terra per le scale”. La ragazza è sotto choc.

L’uomo, poco prima dell’irruzione dei carabinieri, si è poi tolto la vita sparandosi in testa.

Tra i feriti anche il luogotenente Crescenzo Iannarelli, comandante della stazione dei carabinieri di Vitulazio, che è stato raggiunto da un pallino al labbro.

Il racconto dei testimoni.

“Davide si è fermato con la sua auto davanti al bar nei pressi di casa sua, imbracciava un fucile; è entrato nel locale e ha sparato verso il barista rimasto ferito. Poi è uscito e ha sparato ad una donna, quindi è salito a casa e ha esploso diversi colpi contro la moglie. É uscito sul balcone sparando a chiunque gli capitasse sotto tiro”. Così Vincenzo, militante di Forza Nuova e amico di Mango.

“E’ una cosa inspiegabile, veniva spesso a cena da me perché vivo da solo, ma non mi aveva mai parlato di problemi particolari” aggiunge. “Ci eravamo conosciuti cinque anni fa a Caserta nel corso di un’iniziativa di Forza Nuova; era nata una bella amicizia”. Qualcuno riferisce di problemi con la moglie. Dal panificio vicino all’abitazione di Mango, la titolare dice di aver “udito numerosi spari e di aver abbassato le serrande per paura”.