Cocaina, 110mila dosi nascoste al Verano. Arrestato il marmista

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Aprile 2019 14:11 | Ultimo aggiornamento: 18 Aprile 2019 14:20
Cocaina, 110mila dosi nascoste al Verano. Arrestato il marmista (foto d'archivio Ansa)

Cocaina, 110mila dosi nascoste al Verano. Arrestato il marmista (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Centodiecimila dosi di cocaina e una pistola rubata. Questo è quanto ha trovato la Polizia in alcuni loculi del Verano, lo storico cimitero di Roma.

Gli agenti hanno scoperto le dosi seguendo gli strani movimenti di una macchina davanti al Verano. Insospettiti, i poliziotti hanno deciso di seguire l’auto. Dopo una lunga attesa, gli agenti hanno visto la macchina rientrare e parcheggiare nell’area del “Colle del Pincetto”, la più antica e monumentale del cimitero, che si trova a ridosso della Basilica di San Lorenzo fuori le mura. A quel punto dall’auto è sceso un uomo che è entrato in alcune cappelle funerarie. I poliziotti lo hanno seguito e lo hanno deciso di bloccare poco dopo.  All’interno di un loculo  gli agenti hanno trovato diversi involucri di cocaina, che immessa sul mercato avrebbe prodotto 110mila dosi, bilancini di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente. 

A poca distanza dal loculo perquisito, gli agenti ne hanno notato subito un altro, chiuso con le stesse modalità del primo, nel quale è stata invece trovata una scatola in cartone contenente una pistola di provenienza furtiva e un caricatore rifornito di cartucce calibro 9 x 21.

L’uomo, un 42enne romano, marmista di professione, è stato arrestato in flagranza per la detenzione dell’ingente quantitativo di stupefacente, nonché per la ricettazione e la detenzione illegale dell’arma presso la casa circondariale di Regina Coeli. Fonte: Ansa.