Costa Concordia, Domnica Cemortan difende Francesco Schettino e si commuove

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Giugno 2013 18:43 | Ultimo aggiornamento: 28 Giugno 2013 18:44
Costa Concordia, Domnica Cemortan difende Francesco Schettino e si commuove

Domnica Cemortan (Foto da Facebook)

FIRENZE – Domnica Cemortan si commuove e difende Francesco Schettino: “I suoi ordini erano chiari. Non fu lui a sbagliare”. La giovane moldava era sulla plancia della Costa Concordia insieme al comandante Schettino la notte in cui la nave naufragò al largo dell’Isola del Giglio, il 13 gennaio 2012. 

Nei frangenti dell’impatto con lo scoglio, ha raccontato Cemortan alla trasmissione televisiva Pomeriggio Cinque, Francesco Schettino ”sapeva cosa stava facendo, i suoi ordini erano chiari. Non fu il comandante a sbagliare, lui sapeva cosa fare e i suoi ordini erano stati chiari, ma l’ultimo ufficiale della catena di comando comprese male l’ordine di Schettino che dovette ripeterlo. Ma dopo pochi secondi urtammo contro le rocce del Giglio. Se non avesse sbagliato quell’ufficiale, forse non ci sarebbero stati tanti morti”.

Quando ha ricordato gli attimi che precedettero l’impatto, Domnica si è commossa. Ha anche ripetuto di non essere l’amante di Schettino e di aver solo appoggiato la sua valigia nella cabina del comandante, in attesa che ne venisse assegnata una a lei, dove si cambiò prima della cena. ”La valigia non la lascio nella cabina del comandante ma nell’ufficio” che però ”è nella cabina”, ha poi aggiunto. ”Se fossi stata la sua amante i miei vestiti sarebbero stati trovati nell’armadio, non nella valigia”.