Covid, stop isolamento obbligatorio: è consigliato restare a casa se ci sono sintomi

Lo prevede la circolare del ministero della Salute firmata del direttore generale della Prevenzione Francesco Vaia nella quale si danno indicazioni in seguito alla norma approvata nell'ultimo Consiglio dei Ministri.

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Agosto 2023 - 18:29
covid_stop_isolamento_obbligatorio_ansa

Ansa

Covid, stop all’isolamento obbligatorio delle persone risultate positive. Resta però consigliato restare a casa, se ci sono dei sintomi fino alla loro scomparsa. E’ quanto prevede una circolare del ministero della Salute firmata del direttore generale della Prevenzione Francesco Vaia nella quale si danno indicazioni in seguito alla norma approvata nell’ultimo Consiglio dei Ministri.

Covid, stop isolamento obbligatorio: è consigliato restare a casa se ci sono sintomi

Si raccomanda, comunque, di osservare le stesse precauzioni valide per prevenire la trasmissione della gran parte delle infezioni respiratorie. In particolare è consigliato: Indossare un dispositivo di protezione delle vie respiratorie (mascherina chirurgica o FFP2), se si entra in contatto con altre persone. Se si è sintomatici, rimanere a casa fino al termine dei sintomi. Applicare una corretta igiene delle mani. Evitare ambienti affollati. Evitare il contatto con persone fragili, immunodepresse, donne in gravidanza, ed evitare di frequentare ospedali o RSA. Questa raccomandazione assume particolare rilievo per tutti gli operatori addetti all’assistenza sanitaria e socio-sanitaria, che devono quindi evitare il contatto con pazienti a rischio. Si consiglia anche di informare le persone con cui si è stati in contatto nei giorni immediatamente precedenti alla diagnosi, se anziane, fragili o immunodepresse ed infine di contattare il proprio medico curante se si è persona fragile o immunodepressa, se i sintomi non si risolvono dopo 3 giorni o se le condizioni cliniche peggiorano.

Nessuna misura restrittiva per chi entra in contatto con un malato di Covid

Per le persone che sono venute a contatto con un malato di Covid non si applica nessuna misura restrittiva. “Si raccomanda comunque che le stesse pongano attenzione all’eventuale comparsa di sintomi suggestivi di Covid-19 (febbre, tosse, mal di gola, stanchezza) nei giorni immediatamente successivi al contatto. Nel corso di questi giorni è opportuno che la persona eviti il contatto con persone fragili, immunodepressi, donne in gravidanza. Se durante questo periodo si manifestano sintomi suggestivi di Covid-19 è raccomandata l’esecuzione di un test antigenico, anche autosomministrato, o molecolare per SARS-CoV-2″, si legge nella circolare.

Schillaci: “Abrogato l’ultimo divieto reale del Covid” 

Il ministro della Salute Orazio Schillaci, alla fine del consiglio dei ministro che ha deciso queste norme, riferendosi l’abrogazione della norma sull’isolamento per i malati di Covid ha detto che è stato “abrogato l’ultimo divieto reale del Covid”.

“L’andamento epidemiologico, i vaccini e i farmaci non rende necessaria questa misura che era ampiamente disattesa. E’ una norma di buon senso, il ministero della salute continuerà ad osservare e se necessario adotterà tutte le misure necessarie” ha concluso Schillaci.

Forse dovresti anche sapere che…