Luca Sacchi, Gabrielli: “Non è una storia di poveri ragazzi scippati e Roma non è Gotham City”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Ottobre 2019 15:09 | Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre 2019 17:09
Gabrielli: "Roma ha problemi ma non è Gotham City"

Franco Gabrielli (foto ANSA)

ROMA – “Che Roma abbia i suoi problemi credo nessuno non lo riconosca, ma rappresentarla come Gotham City…” Lo ha detto il capo della polizia Franco Gabrielli, commentando l’omicidio del 24enne Luca Sacchi a Roma. I responsabili, ha aggiunto, “sono stati subito individuati e sono stati definiti i contorni di una vicenda che con una città alla deriva ed in mano al crimine ha poco a che fare”.

“Gli accertamenti che l’autorità giudiziaria disvelerà quando riterrà opportuno non ci raccontano la storia di due poveri ragazzi scippati. Lo dico tenendo sempre ben presente, non vorrei essere equivocato su questo, che stiamo parlando della morte di un ragazzo di 24 anni”, ha aggiunto Franco Gabrielli.

“Parliamo – ha sottolineato Gabrielli, a margine della cerimonia per i 70 anni della rivista Poliziamoderna – di una vicenda gravissima. E’ morto un ragazzo di 24 anni. Questo dovrebbe imporre ad ognuno di noi un atteggiamento di grande riflessione e rispetto”. “Sono soddisfatto – ha proseguito – della risposta delle forze di polizia, che hanno agito in maniera sinergica, senza gelosie. E non posso non notare, con un certo sollievo – ha sottolineato il capo della Polizia – che questa vicenda, sotto il profilo dell’accertamento della verità, ha visto coinvolta la stessa famiglia di uno degli autori dell’efferato gesto”.

La fidanzata di Luca: “La droga non c’entra niente”

“La droga? Non c’entra niente. Luca era lì per guardare il fratellino piccolo che si trovava nel pub”. A parlare ai microfoni del Tg1 è Anastasia Kylemnyk, la fidanzata di Luca Sacchi. “Luca non ha mai incontrato gli spacciatori – ha aggiunto -. Non ho visto e sentito nulla. Ho sentito solo la voce di un ragazzo romano e giovane. Mi ha detto ‘dammi sto zaino’. E Luca mi ha protetto come ha sempre fatto: l’ha messo a terra e forse per questo si sono spaventati”.

Fonte: ANSA