Ivrea. 16 anni, pistola in classe a vendicare “onore” amica

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Novembre 2015 14:45 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2015 14:46
Ivrea. 16 anni, pistola in classe a vendicare "onore" amica

Ivrea. 16 anni, pistola in classe a vendicare “onore” amica

IVREA (TORINO) – Vendetta, più che difesa: è quello che ha mosso un ragazzo di 16 anni ad entrare in classe con una pistola, per vendicare appunto l’amica mollata dal fidanzato. E’ successo martedì mattina a Ivrea, Torino.

In classe il giovanissimo si è presentato con una pistola a tamburo: per questo è stato denunciato dalla polizia, intervenuta su segnalazione dei compagni di scuola, per porto abusivo di armi. La “bravata” all’insaputa del padre, proprietario dell’arma, che era regolarmente denunciata. Gli agenti, con la pistola, hanno sequestrato al ragazzo anche una quindicina di proiettili e cinque coltelli, anche questi proprietà del padre.

Una modalità quasi mafiosa di “dare una lezione”: la pistola e i coltelli come minaccia, per spaventare, magari senza la reale intenzione di ferire o peggio ancora uccidere. Una modalità da telefilm, da film, da cronaca nera, certo non da liceale alle prese con le lacrime dell’amica ferita. I genitori, all’oscuro di tutto, hanno saputo il fatto dai poliziotti. Le armi erano custodite in cassaforte, ma pare che il sedicenne sapesse dove fossero nascoste le chiavi. L’intero arsenale è stato sequestrato.

Non è una “bravata” quella del ragazzino, ma un vero e proprio reato: di lui infatti si occuperà il tribunale dei minori di Torino.