La ragazzina di 14 anni drogata e poi violentata in un campo rom vicino Roma

di redazione cronaca
Pubblicato il 12 Aprile 2024 - 11:55
campo rom

Foto archivio Ansa

E’ stata soccorsa in un campo rom alla periferia di Roma dove vive con la famiglia. Quando gli agenti della polizia locale si sono avvicinati la quattordicenne era in stato confusionale. Tra le lacrime, ha raccontato di essere stata drogata e violentata all’interno dell’insediamento. L’allarme è scattato in via di Salone. Sul posto è arrivata un’ambulanza del 118 che ha trasportato la ragazzina all’ospedale pediatrico del Bambino Gesù per gli accertamenti medici del caso. E subito sono state avviate le indagini della polizia locale per accertare quello che è esattamente accaduto all’interno del campo e chiarire se la giovanissima abbia subito quindi eventuali vessazioni o abusi.

Tutto è nato nel corso dell’attività di presidio dei vigili al campo nomadi di via di Salone, alla periferia est della capitale. Ieri pomeriggio una pattuglia della polizia locale del VI Gruppo Torri è stata avvicinata dalla ragazza di 14 anni serba, che era in stato confusionale. Gli agenti, dopo aver parlato con lei, hanno cercato di tranquillizzarla e si sono sincerati sulle sue condizioni. A loro ha riferito di essere drogata nei giorni scorsi. Non presentava segni evidenti di aggressione o di percosse, ma saranno gli accertamenti medici a chiarire cosa le sia successo e se abbia subito violenze. La quattordicenne si trova ora in ospedale per le visite mediche.