Mandas (Cagliari), madre uccide i due figli disabili poi tenta di ammazzarsi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Settembre 2018 15:02 | Ultimo aggiornamento: 6 Settembre 2018 15:56
mandas cagliari

Mandas (Cagliari), madre uccide i due figli disabili poi tenta di ammazzarsi

CAGLIARI – Si è chiusa nella sua stanza con i figli disabili e li ha poi uccisi con un fucile da caccia. Dopo ha tentato di ammazzarsi con la stessa arma da fuoco ed ora è in gravissimi condizioni. E’ successo a Mandas, circa 40 chilometri da Cagliari.

Le vittime sono Paolo e Claudio Calledda, gemelli di 42 anni. La mamma, Angela Manca, di 64, è stata portata in elicottero in ospedale.

Al momento della tragedia la donna era sola in casa perché la figlia, medico di famiglia nell’Oristanese, si era momentaneamente allontanata dal paese con il marito. L’allarme è stato dato dai vicini. La donna è ancora in vita, ma con gravissime ferite.

“Sono senza parole, per l’uccisione dei due disabili di 42 anni gemelli, in Sardegna da parte della mamma di 64 anni che poi ha tentato il suicidio ed è ora gravissima in Ospedale. Il ‘Dopo di Noi’ è sempre più necessario è le Regioni ed i Comuni devono mobilitarsi velocemente per dare risposte alle famiglie che non ce la fanno più, il governo precedente ha messo a disposizione più di 180 mila euro in tre anni per raggiungere l’obiettivo del dopo e durante noi, ma la burocrazia sta rallentando la realizzazione delle soluzioni”. Lo dichiara in una nota l’ex deputata Pd Ileana Argentin, prima firmataria della legge sul “dopo di noi”. “E’ una vergogna costringere un genitore ad arrivare a gesti estremi, aiutiamoli come prevede la norma è non piangiamo quando avvengono queste tragedie, sono solo lacrime di coccodrillo. Tutti a lavoro c’è chi non può più aspettare!” afferma.