Mascherine: questo è il prezzo giusto, oppure no. Mascherina di cittadinanza?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Aprile 2020 10:13 | Ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2020 10:13
Mascherine: questo è il prezzo giusto, oppure no. Mascherina di cittadinanza?

Mascherine: questo è il prezzo giusto, oppure no. Mascherina di cittadinanza? (Foto Ansa)

ROMA – Mascherine prezzo, già qual è il prezzo giusto? Non c’è un prezzo fisso e fissato per ogni tipo di mascherina e con tutta probabilità se qualche autorità fissasse un prezzo obbligatorio, quello e solo quello, alla fine questo calmiere sarebbe un altro intralcio al produrle le mascherine. E dio solo se di intralci non ce ne siano già troppi dal momento che per mesi, non è dato sapere quanti, gli italiani avranno bisogno di una quantità che va da una a tre mascherine a testa, al giorno.

Non c’è un prezzo fissato e imposto dal governo o da uno dei venti governi locali che più fanno vedere di essere capaci di ordinanze e meglio si sentono. E non c’è neanche tanta velocità nell’arrivare delle mascherine sul mercato. Anche per fatti oggettivi: va bene la burocrazia non intralci, ma un esame di efficienza sanitaria alle mascherine che un’azienda va a produrre lo vogliamo fare? E una verifica che produca proprio quello che ha promesso lo vogliamo fare? 

Lombardia e Toscana, altre Regioni seguiranno, hanno o stanno per introdurre l’obbligo di mascherina per uscire di casa. In maniera razionale la Toscana: obbligo scatta man mano che le mascherine arrivano e sono distribuite. In maniera teatrale e auto compiaciuta la Lombardia: obbligo, ma se non ce l’avete mettete sciarpa e foulard…Ineffabile Regione Lombardia della quale ogni conferenza stampa da settimane è un ininterrotto: quanto siamo bravi, quanto siamo bravi… noi.

Poi verrà la cosiddetta Fase 2, insomma l’uscire di casa, e sarà un uscire e soprattutto andare ovunque o quasi con la mascherina. Verrebbe da pensare allora che la mascherina dovrebbe diventare di cittadinanza. Sì, mascherina di cittadinanza, distribuita gratuitamente o a costi alla vendita equivalenti a quelli di produzione, il resto, la corretta remunerazione per chi produce e distribuisce ce li mette lo Stato. In quel caso la mascherina di cittadinanza potrebbe costare circa 50 centesimi al pezzo.

Mascherina di cittadinanza oggi non c’è, allora quale il prezzo giusto delle mascherine che ci sono in vendita? Facile e semplice, anche se un po’ arrotondato: da un euro e mezzo fino a tre euro e mezzo l’una siamo nella terra e nei confini del prezzo giusto. Si parla della mascherina chirurgica e delle sue sorelle (alcune in giro un po’ troppo cugine, altre nemmeno parenti). Per le mascherine professionali il prezzo giusto è più alto, decisamente più alto. Ma quelle non le dovreste neanche cercare e chiedere e indossare. A meno che non  siate medici, infermieri, volontari, forze dell’ordine, lavoriate supermercati o nei trasporti…Ma in questo caso non le dovreste comprare, ve le dovrebbero fornire come condizione perché possiate lavorare.