Lattarulo, dalla Banda della Magliana al lavoro per Roma: “Ero giovane e str…”

Pubblicato il 30 luglio 2012 12:37 | Ultimo aggiornamento: 30 luglio 2012 12:38
alemanno

Il sindaco di Roma Gianni Alemanno (LaPresse)

ROMA – Racconta che all’epoca dei fatti “era solo un ragazzino” e che di certo Enrico De Pedis e gli altri big della Banda della Magliana, non raccontavano i dettagli delle loro imprese a lui. Racconta poi che quella parentesi della sua vita è durata solo un anno e mezzo, 18 mesi per cui dice di avere “ampiamente pagato”.

Maurizio Lattarulo, ex componente della Banda della Magliana ed ex membro dei Nar (gruppo di ispirazione neofascista attivo negli anni ’70 e ritenuto responsabile di più di 30 omicidi) risponde con un’intervista al Corriere della Sera a chi protesta per il contratto di consulenza stipulato con lui dal Comune di Roma.

Sulla sua militanza nella banda della Magliana Lattarulo non nega, ma si limita a “minimizzare” il suo ruolo: “Gestivo i circoli per il gioco d’azzardo. Ma pensavo di avere a che fare con reati da Pretura. Sarà che sono passati tanti anni, per questo dico che ero giovane. E comunque sempre str… ero”.

Per Lattarulo, in ogni caso, nella sua nomina non c’è scandalo: ” Per la giustizia sono riabilitato. La sentenza è del 2011, il percorso è iniziato nel 2004″. Il suo primo incarico, “istituzionale”, però, risale al 2008, quando la parentesi giudiziaria non era ancora compiuta. L’ex Banda della Magliana spiega così: “Nella condanna a 30 mesi non avevo l’interdizione ai pubblici uffici”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other