--

Milano: Enjoy e altri car sharing per la sicurezza a 2 ruote

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Ottobre 2015 19:01 | Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2015 19:01

MILANO – “Occhio alle due ruote in città” è la nuova campagna per la sicurezza stradale promossa da Confindustria Ancma, con il coinvolgimento di tutti i car sharing di Milano (Car2Go, Enjoy, E-Vai, GuidaMi, Twist e Share’nGo) e il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Comune di Milano e con il sostegno di Fondazione italiana per le 2 ruote.

La campagna si inserisce nel più ampio progetto europeo Road Safety Strategy promosso da Acem, l’analogo di Ancma a livello europeo. A partire dai prossimi giorni, sui finestrini delle auto in condivisione e dei taxi verrà esposto uno speciale adesivo che ricorderà a guidatori e passeggeri di fare attenzione alla presenza di bici, moto e scooter sulla strada quando si apre la portiera dell’auto.

“Ringrazio Ancma per aver pensato a una campagna di sensibilizzazione nei confronti delle utenze deboli – ha dichiarato l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran – È un tema prioritario per il Comune di Milano, ma deve esserlo anche per le imprese e per chiunque operi in strada. Anche se gli incidenti sono in diminuzione, è un campo in cui si può e si deve fare sempre di più”.

“Un piccolo gesto – ha commentato Corrado Capelli, Presidente di Confindustria Ancma – che in alcuni casi può davvero fare la differenza. La percezione della presenza delle due ruote, infatti, è uno dei fattori che incidono maggiormente sulla diminuzione degli incidenti stradali. Confindustria Ancma è impegnata da tempo su questo fronte, considerando quello della sicurezza uno dei temi fondamentali non solo per gli utenti delle due ruote, ma per tutti gli utenti della strada”.

Stando alle risultanze del MAIDS (Motorcycles Accidents In-Depth Study), la più completa e approfondita analisi sull’incidentalità delle due ruote a motore, infatti, nel 70% dei casi in cui la causa primaria dell’incidente è l’errore umano del conducente dell’altro veicolo, questo è dovuto alla mancanza di percezione del veicolo a due ruote.

Secondo gli ultimi dati forniti dall’ACI/ISTAT, nel 2013 i veicoli a due ruote coinvolti in incidenti (mortali e non) si fermano a quota 57.978, con una contrazione del 15,2% rispetto all’anno precedente. Le vittime su ciclomotore fanno registrare lo stesso valore rispetto al 2012 (133 persone), mentre il numero dei feriti (15.739) diminuisce del 15,1%.

Le vittime a bordo di motocicli e scooter targati ammontano a 774 unità e fanno segnare una riduzione del 13,5%, mentre è dell’8,9% la riduzione del numero dei feriti (45.419). Complessivamente, si registra una contrazione dell’11,7% delle vittime di incidenti su veicoli a due ruote (ciclomotori e moto) rispetto al 2012.

Negli ultimi 5 anni il numero di vittime su veicoli a 2 ruote è diminuito del 37,9%, facendo registrare un trend migliore anche rispetto a quello delle auto, che si sono “fermate” a -26%; nell’ultimo decennio il calo è stato addirittura del 45,4%.

Con “Occhio alle 2 ruote” Confindustria ANCMA, da sempre impegnata sul tema della sicurezza stradale, si propone l’obiettivo di accrescere i livelli di attenzione nei confronti degli utenti di veicoli a due ruote (biciclette, scooter e motocicli), da parte dei conducenti delle altre categorie di veicoli che circolano sulle strade e di aprire una riflessione sul tema della sicurezza stradale. È proprio questo è il messaggio centrale anche del video presentato oggi per la prima volta al pubblico e che verrà distribuito sulle reti nazionali e sui canali social.

“Lo spot – spiega Alfio Morone, presidente della Fondazione italiana per le 2 ruote, coproduttrice – nasce proprio dall’esigenza di sottolineare come il porre un pizzico di attenzione in più quando si è alla guida di un veicolo, qualunque esso sia, è fondamentale per evitare incidenti magari banali che, però, per gli utenti delle due ruote, più vulnerabili, possono rivelarsi molto gravi”.

Sempre il MAIDS dimostra molto chiaramente come i conducenti d’auto con esperienza di guida anche sulle moto, hanno una migliore capacità di accorgersi delle moto nel traffico, rispetto a quelli che non hanno mai guidato un veicolo a due ruote.

La campagna “Occhio alle 2 ruote” ha previsto anche la realizzazione del sito web www.occhioalle2ruote.it dove trovare tutte le informazioni non solo sull’iniziativa, ma anche sulle principali norme del codice della strada in materia di sicurezza, consigli utili e materiali di approfondimento.