Piazza San Carlo, è morta Marisa Amato: schiacciata dalla folla, era rimasta paralizzata

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 gennaio 2019 11:38 | Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2019 11:38
Piazza San Carlo, è morta Marisa Amato: schiacciata dalla folla, era rimasta paralizzata

Piazza San Carlo, è morta Marisa Amato: schiacciata dalla folla, era rimasta paralizzata

TORINO – E’ morta Marisa Amato, 65 anni, la donna rimasta tetraplegica dopo la tragedia di Piazza San Carlo a Torino. Lì la notte del 3 giugno 2017, davanti al maxi schermo allestito per la finale di Champions tra Juventus e Real Madrid, Marisa finì calpestata dalla folla in fuga. Sale così a due il numero delle vittime di quella maledetta notte che fu segnata da oltre 1.500 feriti tra cui Erika Pioletti, la 38enne morta dopo alcuni giorni di agonia.

Marisa Amato si era presentata mercoledì al pronto soccorso dell’ospedale Cto di Torino per problemi respiratori. Gli esami avevano evidenziato un versamento pleurico, che era stato drenato, la respirazione sorretta con ventilazione non invasiva.

Ricoverata presso la Terapia Intensiva diretta dal Dott. Mauriziano Berardino, la paziente – si apprende da fonti sanitarie – ha espresso con lucidità e fermezza la volontà che la terapia, soprattutto il supporto respiratorio, non prevedesse mezzi invasivi come l’intubazione tracheale o la tracheotomia, qualora la ventilazione non invasiva non risultasse sufficiente, pur avendo ben chiaro che questa decisione avrebbe potuto portarla ad un peggioramento fatale.

Secondo queste indicazioni è proseguita la terapia con discreta efficacia. Alle ore 8 di venerdì mattina, però, il brusco peggioramento cardiovascolare ha causato la perdita della coscienza. Marisa è spirata assistita dai suoi famigliari.

Quella tragica sera del 3 giugno, Marisa non era in piazza San Carlo per guardare la partita. Era andata con il marito, Vincenzo D’Ingeo, in centro a mangiare una farinata. I due a braccetto stavano passeggiando lungo via Santa Teresa quando la folla li ha letteralmente travolti.