Studenti stranieri: rallenta la crescita degli iscritti nelle scuole

Pubblicato il 24 ottobre 2011 12:52 | Ultimo aggiornamento: 24 ottobre 2011 13:06

MILANO, 24 OTT – Negli ultimi tre anni si e' assistito in Italia a un rallentamento della crescita degli iscritti degli alunni stranieri. Una crescita quasi dimezzata rispetto agli anni precedenti. Il dato si evince sul rapporto nazionale sugli alunni con cittadinanza non italiana per l'anno scolastico 2010/11 anticipato oggi dal Miur (Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca) e dalla fondazione Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicita').

L'intero rapporto sara' disponibile a partire dalla fine di novembre. Nella stime dei due organismi, gli alunni con cittadinanza non italiana costituiscono ''una realta' ormai strutturale nel nostro Paese''. ''Si e' passati infatti, da 59.389 presenze dell'anno scolastico 1996/97 alle 711.064 del 2010/11''. Negli ultimi tre anni si e' assistito a un rallentamento nella crescita degli iscritti, quasi dimezzata rispetto agli anni precedente. Se dal 2002/03 al 2007/08 l'incremento degli alunni con cittadinanza non italiana e' stato inferiore alle 38mila unita'.

Per quanto riguarda le nazionalita' degli alunni, quelli con cittadinanza romena si confermano, per il quinto anno consecutivo il gruppo piu' numeroso nelle scuole italiane (126.452); seguono gli albanesi (99.205) e i marocchini (92.542). Tra le novita' piu' rilevanti c'e' l'incremento degli alunni provenienti dalla Moldavia che passano da 12.543 nel 2007/08 agli attuali 20.580. Rilevanti anche gli incrementi di alunni dall'India e dell'Ucraina.