Treviso, treno in balia della baby gang. La denuncia di un passeggero: “40 minuti di follia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 ottobre 2017 16:28 | Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2017 16:28
Treviso, treno in balia della baby gang. La denuncia di un passeggero: "40 minuti di follia"

Treviso, treno in balia della baby gang. La denuncia di un passeggero: “40 minuti di follia”

TREVISO – In cinque, tutti e cinque giovani e stranieri, hanno tenuto per un’intera ora in ostaggio un treno e i suoi passeggeri, compreso il capotreno, insultando e aggredendo chiunque dicesse qualcosa. Si tratta del treno Venezia –Bassano delle 19.56 in viaggio sabato sera.

“Io e mia moglie eravamo andati a fare una passeggiata a Venezia…  – spiega un imprenditore al Corriere della Sera – “Erano ubriachi, hanno lanciato un estintore. E mi hanno minacciato quando ho cominciato a scattare foto col cellulare”. I ragazzini erano sotto l’effetto di droga e alcol.

“Abbiamo immediatamente schiacciato il tasto sos. Ci immaginavamo un pronto intervento invece per oltre quaranta minuti non è successo niente. Quaranta minuti di follie. Anzi, nel treno a porte chiuse, i bulli hanno alzato il livello di insulti e minacce”.

Non appena le porte sono state aperte nella stazione di Castello di Godego (Treviso) i ragazzini sono scappati e all’arrivo i carabinieri non hanno potuto far altro che raccogliere le testimonianze dei viaggiatori, nessuno dei quali ha però sporto formale querela. La polizia ferroviaria dovrà risalire agli autori di quelle tensioni.