Vaccini, a Torino primi 4 bimbi rimandati a casa dall’asilo. Ad Aosta ammessi lo stesso

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 maggio 2018 18:01 | Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2018 20:44
Vaccini, primi 4 bimbi rimandati a casa dall'asilo a Torino e in provincia

Vaccini, primi 4 bimbi rimandati a casa dall’asilo a Torino e in provincia

TORINO – Primi effetti, a Torino, della legge Lorenzin sui vaccini obbligatori. La dirigente scolastica delle scuole materne Keller e Kandinskij, nel quartiere Mirafiori, ha notificato alle famiglie di due bimbi il divieto a presentarsi in classe fino a quando non saranno in regola con le vaccinazioni. Lo stesso è accaduto a Collegno, mentre in Valle D’Aosta sono state adottate misure opposte.

“Lo impone la legge – spiega la preside torinese, Elena Cappai – e sino a quando non riceverò i documenti che attestano l’avvenuta messa in regola, non potrò fare altrimenti”. Questa mattina i due bimbi, un maschio e una femmina di 5 anni, sono rimasti a casa. “Un atto doloroso”, ha sottolineato la preside che però ci tiene a precisare: “Non immaginate, comunque, scene di vigili e carabinieri davanti alla scuola si è svolto tutto in tranquillità”.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Per le due famiglie – secondo quanto riporta Repubblica Torino – il procedimento è iniziato lo scorso 4 aprile, quando la dirigente ha inviato le lettere di sollecito a mezzo raccomandata.

“In un caso non ho ricevuto nulla – spiega – dall’altra famiglia invece il 26 aprile ho ricevuto un documento di cinquanta pagine firmato da alcuni avvocati che sostenevano l’illegittimità dell’obbligo di vaccinazione per l’iscrizione a scuola. Non c’erano però né una prenotazione, né un appuntamento all’Asl per far vaccinare il bambino. Quindi non ho potuto far altro che procedere secondo la legge”.

E così è stato:

“Venerdì – prosegue il racconto – avevo comunicato alle famiglie che da oggi i bimbi non sarebbero più stati considerati iscritti e loro non si sono più presentati. È davvero un peccato a questo punto dell’anno è alle famiglie ho detto che i bambini potranno ovviamente partecipare alla festa di classe che è aperta alle famiglie per vedere i loro compagni”.

A Torino sono circa 800 i bimbi che non in regola con le vaccinazioni: circa 2 mila in tutto il Piemonte. Il divieto di portare a scuola i figli sino a quando non saranno in regola è scattato anche per due famiglie residenti a Collegno, nella provincia di Torino. Lo rende noto Matteo Cavallone, assessore comunale alle Politiche educative della cittadina alle porte del capoluogo piemontese.

“Il rispetto della legge non è una questione politica – sostiene Cavallone – Per tutto l’anno abbiamo inviato ai genitori numerose sollecitazioni. L’Asl ci ha comunicato che, su 172 bambini iscritti agli asili comunali, due non sono stati vaccinati. E così procederemo come da normativa. Nei mesi scorsi abbiamo anche incontrato le famiglie”.

In Val D’Aosta otto bambini non in regola ammessi scuola 

I termini di scadenza per l’adempimento dell’obbligo vaccinale non sono valsi invece in Valle d’Aosta dove otto bambini non in regola con le norme nazionali sono stati ugualmente ammessi a scuola. Di questi sette negli asili nido e uno nella scuola dell’infanzia.

Stefano Minetti, presidente dell’associazione Pro libera scelta Vda, ha spiegato all’Ansa: “Nessuno si è assunto la responsabilità di non far entrare a scuola i bambini, anche a causa di un vuoto normativo”, ha spiegato Minetti.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other