Venezia: stop mutui per un anno, 20 milioni subito e il sindaco Brugnaro commissario

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2019 13:51 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2019 13:53
Venezia: stop mutui per un anno, 20 milioni subito e il sindaco Brugnaro commissario

Lo striscione degli attivisti di Friday For Future appeso al Ponte di Rialto (Foto Ansa)

VENEZIA – Sospensione dei mutui per un anno, 20 milioni per il primo ristoro dei danni e il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro nominato commissario straordinario. Sono i termini principali dell’ordinanza firmata dal capo della Protezione Civile Angelo Borrelli in seguito all’emergenza per l’acqua alta a Venezia. L’ordinanza, secondo quanto scrive l’Ansa, prevede un primo rimborso di 5mila euro per i privati e di 20mila per le aziende, secondo lo schema indicato dal premier Conte.

“Venezia supererà anche questa. Come un atleta che subisce un grave infortunio e poi si rialza”, ha detto commosso Gianluca Vialli, capodelegazione della nazionale di calcio, in visita a San Marco con il presidente della Figc, Gabriele Gravina, e il portiere della nazionale, Gianluigi Donnarumma. La delegazione azzurra ha fatto visita alla piazza colpita dall’acqua alta eccezionale, in particolare ad un paio di negozi storici ancora allagati, fermandosi a parlare con i titolari, e gli uomini della polizia locale, della protezione civile e con i carabinieri.

Intanto una nuova allerta di marea eccezionale è attesa per domenica: il Centro maree del Comune di Venezia prevede per le ore 12.30 un picco di 160 centimetri. La previsione è aggravata dal fatto che i modelli di calcolo prefigurano per la laguna un’intera mezza giornata di marea oltre il metro. Il massimo di 160 è preceduto da un precedente di 130 centimetri alle ore 3.05 e da un “minimo” di 110 centimetri alle ore 6.50. Per lunedì, invece, il valore massimo è di 105 centimetri alle 3:15, mentre il minimo sarà di 20 cm alle 21:40.

Poco dopo la mezzanotte di venerdì la marea ha toccato una nuova punta massima di 115 centimetri sul medio mare. Un fenomeno classificato come molto sostenuto (codice arancio), ma non eccezionale, come i picchi degli ultimi tre giorni. L’allagamento in questo caso interessa soprattutto le aree più basse della città, come San Marco. 

Intanto è scattata la protesta degli attivisti di Friday For Future di Mestre. “Da Venezia a Matera, basta passerelle elettorali – uniti contro i cambiamenti climatici è tempo di agire” è il messaggio inviato, con uno striscione affisso al Ponte di Rialto, ai tanti esponenti politici saliti nella città lagunare dopo le ondate di piena.

Al grido di “Basta Lega, Venezia annega” una decina di giovani ha inscenato una mini contestazione all’arrivo della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati a piazzale Roma, a Venezia, per fare il punto della situazione dopo le ultime acque alte eccezionali di questi giorni. Una protesta conclusasi pacificamente senza incidenti in pochi minuti.

Fonte: Ansa