Anonymous: “Un italiano tra i registi della propaganda Isis”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 febbraio 2015 14:26 | Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2015 14:27
Anonymous: "Un italiano tra i registi della propaganda Isis"

Anonymous: “Un italiano tra i registi della propaganda Isis”

ROMA – “C’è un italiano tra i registi della propaganda dell’Isis su internet”. Lo sostiene Anonymous, la rete di hacker attivisti che si sta battendo contro i terroristi dello Stato Islamico oscurando i suoi siti.

Uno dei pirati informatici di Anonymous che sta dando la caccia agli “amministratori” della propaganda jihadista sostiene che tra loro ci sia un italiano. Del resto, se è vero che gli amministratori dei siti Isis si trovano per lo più in Medio Oriente e Nord Africa ce n’è anche in Europa e in altri Paesi.

Nei giorni scorsi i membri di Anonymous hanno individuato un “leader tecnico” dell’Is, un tunisino di cui avevano svelato nei giorni scorsi i dati e le foto. Non si tratterebbe di un capo della loro propaganda, ma dell’amministratore di almeno due siti legati all’I.

5 x 1000

Gli esperti della propaganda jihadista utilizzano sistemi come Tor e i Vpn (il primo rende anonima la navigazione e permette di entrare nel web ‘profondo’, il secondo è una privata rete di comunicazioni). Quando fanno uno sbaglio gli hacker di Anonymous possono trovarli, anche perché il loro indirizzo IP non è sempre nascosto.

“A volte commettono errori e noi aspettiamo che facciano uno sbaglio per trovarli”, ha spiegato uno degli hacker di Anonymous all’agenzia Agi,

“il loro IP (l’indirizzo numerico che identifica il computer e la posizione) non è sempre nascosto, noi usiamo tecniche molto avanzate, abbiamo un team internazionale con specialisti che si occupano in particolare degli smartphone”.