Eddie Gallagher, il Navy Seal graziato da Trump. I commilitoni: “Psicopatico che sparava sui civili”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Dicembre 2019 10:16 | Ultimo aggiornamento: 30 Dicembre 2019 10:18
Eddie Gallagher, il Navy Seal graziato da Trump. I commilitoni: "Psicopatico che sparava sui civili"

Il Navy Seal graziato da Trump, Eddie Gallagher (foto Ansa)

ROMA – Un “mostro”, uno “psicopatico” dal grilletto facile, pronto a uccidere qualsiasi cosa in movimento, un “tossico”, una persona “malvagia”. E’ il ritratto sconvolgente quello che emerge di Eddie Gallagher, il Navy Seal graziato da Donald Trump. 

A descriverlo sono i suoi ex compagni di plotone, in una serie di testimonianze shock emerse pochi giorni dopo la visita di Gallagher a Mar-a-Lago per incontrare il presidente americano. Testimonianze che potrebbero mandare all’aria i piani del tycoon di fare campagna insieme per dimostrare la sua vicinanza e il suo amore per le forze armate.

Esultava quando faceva volare i burqa

Gallagher, medico e cecchino, alla guida del plotone Alpha si è reso protagonista, secondo le ricostruzioni dei suoi commilitoni, di atti deplorevoli quando era in servizio all’estero. Prendeva di mira donne e bambini ed esultava quando vedeva i burqa volare via, afferma uno dei Navy Seal interrogati nell’ambito dell’indagine condotta dalla Marina sulle accuse di crimini di guerra e omicidio presentate contro Gallagher.

L’uccisione a sangue freddo di un prigioniero ferito

Le immagini, rivelate dal New York Times, mostrano i commilitoni di Gallagher in difficoltà nel descrivere la crudeltà delle sue azioni. Fra le quali l’uccisione a sangue freddo con un coltello di un prigioniero ferito. O quella di un bambino di 12 anni.

Oppure obbligare il plotone a posare per una foto con un prigioniero morto mentre lo stesso Gallagher teneva in mano un coltello fatto in casa. In ogni caso, è opinione comune dei suoi compagni che amasse sparare sui civili.

Lui respinge seccamente le accuse definendole bugie, esattamente come quelle che avevano portato al suo arresto e poi alla sua assoluzione.

“È un malvagio spaventoso”, dice Craig Miller, uno dei membri con più esperienza del Team 7 del plotone Alpha. “Sembrava che fosse assolutamente in grado di uccidere chiunque si muovesse”, ha detto un altro membro del plotone, identificato dal quotidiano newyorkese come Corey Scott. 

Eddie Gallagher: “Bugie di codardi”

“Sono disgustato dalle menzogne nei miei confronti, ma capisco che si tratta di persone impaurite dalla possibilità che la realtà possa emergere, ovvero che venga rivelato quanto siano state codarde durante il loro dispiegamento”, ha dichiarato.

Trump vuol farne l’icona della campagna elettorale

Il caso Gallagher, con i nuovi video, rischia di creare nuove grane per Trump, che già si attirato una pioggia di critiche per la grazia concessa ordinando che non gli fossero rimossi i gradi. Una grazia che si è scontrata con la forte opposizione delle autorità militari e costata la testa a Richard Spencer, l’ex segretario della Marina, il civile più alto in grado della marina militare.

Un’opposizione che non ha fermato Trump, sceso in campo a spada tratta a difesa di Gallagher definendolo un “grande combattente”. Proprio con Gallagher il tycoon si è incontrato nei giorni scorsi in Florida, ipotizzando di tenere insieme alcune tappe della sua campagna elettorale. Piani che alla luce dei video shock potrebbero però saltare. (fonte Ansa)