Guerra di religione in India: Gesù con birra e sigarette, poi scontri e chiese distrutte

Pubblicato il 22 Febbraio 2010 15:04 | Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio 2010 20:02

In India sono scoppiati violenti scontri e due chiese protestanti sono state incendiate e rase al suolo in seguito alla diffusione, prima sulle pagine di un libro per le scuole elementari e poi su altri media, di un ritratto blasfemo di Gesù, raffigurato con una bottiglia di birra e una sigaretta in mano. I cristiani avevano ottenuto la rimozione dell’immagine scatenando la violenza degli estremisti induisti.

Lo riferisce l’agenzia vaticana Fides, citando fonti locali.  La protesta – precisa la Fides – ha infiammato soprattutto il Punjab, nel nordovest dell’India, dove il ritratto è stato esposto per le vie delle città di Jalandhar e Batala.

Alcuni giovani cristiani sono stati coinvolti in una rissa per aver tentato di rimuovere le immagini esposte in un mercato, venendo aggrediti da un gruppo di estremisti indù. La violenza si è poi estesa all’intera città. Esponenti dei movimenti estremisti indù sono scesi in strada armati e hanno incitato alla violenza contro i cristiani. Due chiese protestanti sono state attaccate, incendiate e rase al suolo. I pastori che ne erano responsabili sono stati aggrediti e percossi, e le loro case saccheggiate.

All’origine delle tensioni, l’immagine blasfema riprodotta su un libro per le scuole elementari edito dalla Skyline Publications a New Delhi e adottato nelle scuole indiane: un Gesù Cristo con birra e sigaretta, qualificato come un «idolo».

Se ne erano accorte alcune suore cattoliche di Shillong, nello Stato di Meghalaya, nel nordest, chiedendo subito alle autorità competenti il ritiro del testo dalle scuole. Richiesta subito accolta dal governo dello Stato ma non ben accetta agli estremisti che hanno affisso l’immagine nella pubblica via. Al termine degli scontri – riferisce ancora la Fides – alcuni cristiani accusati di essere coinvolti nelle agitazioni sono stati fermati dalla polizia, mentre nessun estremista indù è stato arrestato.

Ampareen Lyngdoh, ministro dell’Educazione di Meghalaya, nel nord est del Paese, ha condannato la scelta fatta dall’editore e si è detta «sgomenta» per l’immagine data di Cristo su un testo destinato all’educazione di giovani alunni. Lyngdoh ha fatto sapere che tutte le copie del libro incriminato sono state ritirate dalle scuole e dalle librerie dello Stato. Il controverso testo è stato pubblicato da un editore di Nuova Delhi ed è stato adottato da una serie di istituti privati a Meghalaya, dove il 70% della popolazione (2,32 milioni) è di religione cristiana. In totale circa il 2% della popolazione indiana è cristiana.