Hantavirus uccide un uomo in Cina. Sintomi simili al coronavirus, lo trasmettono i topi

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Marzo 2020 8:46 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2020 8:46
Hantavirus uccide un uomo in Cina. Sintomi simili al coronavirus, lo trasmettono i topi

Hantavirus uccide un uomo in Cina. Sintomi simili al coronavirus, lo trasmettono i topi (Foto archivio Ansa)

PECHINO – Non solo coronavirus. Nella stessa Cina da cui è partita l’epidemia di Covid-19 un uomo è morto per hantavirus, virus che dà sintomi simili al corona, ma che in genere – per fortuna – non si trasmette da uomo a uomo, ma si prende dalle feci, dalle urine e dalla saliva dei roditori infetti. 

L’uomo è deceduto su un autobus diretto al lavoro nella provincia di Shandond. Dall’autopsia è emerso che era positivo all’hantavirus. Le altre 32 persone che erano a bordo sono state sottoposte al test per verificarne la positività.

La denominazione hantavirus racchiude diversi tipi di virus e proviene dal fiume presso il quale i soldati americani ne vennero contagiati durante la Guerra di Corea nel 1950.  Viene trasmesso all’uomo dai roditori. Il virus, spiega il manuale Msd (Manuale di diagnosi e terapia), può causare gravi infezioni ai polmoni, con tosse e respiro affannoso, o ai reni, con eruzione, dolore addominale e talvolta insufficienza renale.  

“Per favore, non fatevi prendere dal panico, a meno che voi non abbiate intenzione di mangiare ratti”, ha scritto la scienziata svedese Sumaiya Shaikh in un tweet ripreso dal New York Post. 

Il Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) scrive che l’hantavirus è raro, ma ha un tasso di mortalità al 38%. I sintomi possono manifestarsi fino a otto settimane “dopo l’esposizione a urine fresche, escrementi o saliva di roditori infetti”, afferma il Cdc secondo cui occasionalmente può provenire anche da morsi di ratti o topi infetti. (Fonte: Agi)