Rifiuta di sposare il fidanzato, lui si vendica decapitandola e poi tenta il suicidio

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 ottobre 2018 6:00 | Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2018 0:31
ragazza uccisa fidanzato

La vittima

ROMA – Rifiuta di sposare il fidanzato, lui si vendica decapitandola e poi tenta il suicidio. E’ accaduto in Kazakistan: l’insegnante Shyngys Bekenov, 26 anni, ha fatto la domanda di matrimonio a Nazerke Bekzhanova, 21 anni, da poco laureata in medicina, da lei respinta perché i genitori non avrebbero approvato.  

Furibondo per il rifiuto, l’avrebbe decapitata usando un coltello mentre erano a bordo di una Daewoo Nexia, secondo quanto riferito dalla la polizia. Dopo aver scritto un biglietto d’addio in cui chiedeva che fossero sepolti insieme, Bekenov avrebbe tentato il suicidio colpendosi all’addome con lo stesso coltello. Ricoverato in ospedale in condizioni “gravi ma stabili”, sarà trasferito in carcere con l’accusa di omicidio che prevede una pena minima di 15 anni, scrive il Daily Mail.

Nel biglietto ha confermato di aver decapitato la fidanzata per il rifiuto. Il corpo della donna è stato trovato nell’auto, parcheggiata vicino a una diga ai margini del villaggio di Tasboget, a cinque miglia dalla città di Kyzylorda.