Sparatoria Navy Yard, Aaron Alexis aveva turbe mentali e “sentiva le voci”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2013 15:38 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2013 15:40
Sparatoria Navy Yard, Aaron Alexis aveva turbe mentali e "sentiva le voci"

Aaron Alexis (Foto Lapresse)

NEW YORK –  Aaron Alexis soffriva di paranoie e turbe mentali, sentiva delle “voci” ed era “ossessionato” dai videogiochi violenti: lo hanno detto alcuni funzionari ai media statunitensi. Il veterano di guerra di 34 anni che lunedì 16 settembre ha fatto fuoco davanti alla sede della Marina militare americana, la Navy Yard, uccidendo dodici persone, soffriva di “seri disturbi mentali”, secondo i funzionari.

Alexis, poi, era stato recentemente in cura per questi problemi. Anche i suoi familiari hanno confermato agli investigatori che Alexis era in cura per i suoi disturbi mentali.

Non solo. Secondo il quotidiano britannico Daily Telegraph, che cita testimoni vicini ad Alexis, l’uomo era “ossessionato” da videogame violenti e vi giocava anche 16 ore di seguito al giorno.

Il giornale riferisce anche che il veterano portava sempre con sé una pistola perché temeva di essere rapinato. L’uomo pare fosse anche convinto di essere vittima di discriminazione razziale e di aver subito un trattamento ingiusto nell’ambito di un contratto per un lavoro in Giappone lo scorso anno.