Usa, incendio in un asilo nido a Erie (Pennsylvania): 5 bambini morti

di alberto francavilla
Pubblicato il 12 Agosto 2019 7:55 | Ultimo aggiornamento: 12 Agosto 2019 7:55
Usa, tragico incendio in un asilo nido a Erie (in Pennsylvania): 5 bambini morti

Usa, incendio in un asilo nido a Erie (Pennsylvania): 5 bambini morti (foto Ansa)

ROMA – Cinque bambini morti nell’asilo nido: tragedia in Pennsylvania (negli Usa) dove in un incendio sviluppatosi in un nido hanno perso la vita cinque piccoli e un’altra persona è rimasta ferita. L’episodio è avvenuto nella cittadina di Erie, poco meno di 100 mila abitanti che si affaccia su uno dei grandi laghi.

Il rogo si è sviluppato di primo mattino e all’interno dormivano diversi bambini, visto che la struttura è aperta 24 ore su 24 per i genitori che lavorano di notte. E tra le vittime ci sono proprio quattro fratellini, due maschi e due femmine tra i 10 mesi e gli otto anni, i cui genitori prestavano un servizio notturno. A raccontarlo ai media locali la nonna disperata.

Il quinto bambino morto tra le fiamme non ha ancora un nome e non si se fosse un altro ospite della residenza o parte della famiglia che la gestisce. Una persona, la responsabile della struttura, è stata ricoverata in condizioni stabili.

A dare l’allarme – secondo le testimonianze – un ragazzo di 17 anni che ha allertato i vicini. L’intervento dei vigili del fuoco è stato immediato e con l’aiuto di alcune persone sul posto ha permesso di mettere in salvo diversi bambini. Un ragazzino di 12 anni si è salvando salendo e saltando dal tetto dell’edificio. Ma nonostante tutto la violenza dell’incendio non ha permesso di mettere tutti al sicuro.

Ancora sconosciute le cause dell’incidente. Dalle prime rilevazioni sembra che le fiamme siano partite dall’area del soggiorno, al primo piano della casa, ma non è chiaro da dove si siano sprigionate. Si sarebbero quindi sviluppate molto rapidamente rendendo difficili i soccorsi. E’ una delle più gravi tragedie degli ultimi anni negli Stati Uniti in cui le vittime sono bambini. (Fonte Ansa).