Accordi Italia-Cina/ Non si fermano le trattative: nel settore automobilistico, firmata intesa tra Fiat e Gac. In campo assicurativo, tra Generali e Guotai

Pubblicato il 6 Luglio 2009 16:32 | Ultimo aggiornamento: 6 Luglio 2009 16:32

Non si fermano le trattative e gli accordi tra le aziende italiane e quelle cinesi.

Nel giorno in cui il presidente cinese Hu Jintao è in visita ufficiale a Roma, dove è stato accolto dal presidente Giorgio Napolitano nel cortile d’onore del Quirinale, Fiat e Gac (Guangzhou Automobile Group) hanno firmato un accordo per la costituzione di una società mista. La joint venture (al 50%) prevede la costruzione di un nuovo stabilimento e consentirà alla casa torinese di tornare a produrre auto in Cina a partire dalla seconda metà del 2011.

Ma le intese non si limitano al mercato automobilistico e proseguono in quello assicurativo. Assicurazioni Generali ha, infatti, siglato un accordo per acquistare il 30% di Guotai Amc, società cinese di gestione del risparmio, per circa 100 milioni di euro. L’ingresso del Leone di Trieste in Guotai Amc punta a rivolgersi a questo enorme mercato potenziale.

Oltre all’acquisto del 30% delle quote della società di asset management cinese, Generali e Guotai avvieranno fin da subito una collaborazione che prevede la condivisione di know how in settori sia di natura tecnica che di competenza come lo sviluppo di nuovi prodotti, il risk management e la ricerca di mercato.