Banche, facciamogli causa… e sparivano i soldi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 febbraio 2018 10:29 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2018 10:29
Banche, Fisco, la truffa dei falsi ricorsi

Banche, facciamogli causa… e sparivano i soldi

ROMA – A Messina è nato un nuovo tipo di truffa: associazione consumatori e avvocati disposti a tutto avevano trovato il modo di mungere chi, sentendosi vessato dal Fisco, o truffato dalla sua banca, magari sull’onda emotiva che fa vedere negli istituti di credito la sorgente di ogni male, veniva spinto a far causa alla commissione tributaria o alla banca stessa e farsi rifondere il maltolto.

Tuttavia, come spesso accade specie per chi ha sottoscritto forse incautamente certe obbligazioni, non c’era proprio nulla da rifondare e la causa intentata si rivelava un bluff ben congegnato: per cui gli avvocati si facevano dare in anticipo i soldi –  le spese per le pratiche e i contributi unificati, cifre variabili da 1.000 a 12.000 – e poi sparivano. Iscrizioni a ruolo mai avvenute, ricorsi fantasma, remissione dell’incarico: il cliente/consumatore era beffato la seconda volta, ammesso che la prima non fosse un’allucinazione spacciata per realtà da abili ed interessati manipolatori.

Ovviamente le false consulenze per rimborsi inesigibili avevano un ampio spettro di applicazione: contenziosi sui mutui, difficoltà per rientrare da un prestito, ricorsi su cartelle esattoriali, denunce contro le banche per usura e anatocismo (l’interesse sugli interessi): finora risultano solo una quindicina di vittime, ma i carabinieri sospettano un bacino d’utenza più ampio, e infatti invitano chiunque possa esserne coinvolto a sporgere denuncia.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other