Economia

La Germania vuole “processare” Draghi. Alta corte: “Bce non poteva salvare i Piigs”

"Draghi (Bce) non poteva salvare Italia, Spagna...": Alta Corte tedesca ricorre

“Draghi (Bce) non poteva salvare Italia, Spagna…”: Alta Corte tedesca ricorre

ROMA – “Draghi (Bce) non poteva salvare Italia, Spagna…”: Alta Corte tedesca ricorre. La Corte Costituzionale tedesca ritiene che i salvataggi della Bce con l’acquisto massiccio di titoli dei debiti sovrani in sofferenza esorbitino dalle sue competenze, trattandosi di un altro modo di fare politica economica che invece è appannaggio dell’Unione. Per questo ha rimandato la decisione sulla legittimità degli interventi di Mario Draghi  (ricordate il famoso “faremo tutto quello che serve per salvare l’euro”alla Corte di Giustizia europea perché dirima la controversia giuridica sul conflitto di competenze che opporrebbe la Bce all’Unione Europea.

Si tratta di un’altra tappa del processo tedesco alla Bce. La quale, secondo l’alta corte di Karlsruhe,  “non è autorizzata a perseguire una propria politica economica, e può soltanto supportare le politiche economiche nell’Unione”. Non solo: i famosi Omt (il programma eccezionale di acquisti per calmierare gli innalzamenti eccessivi dei tassi di interesse) realizzano un cambiamento di politica economica strutturale. In particolare il programma Omt “può portare a una considerevole ridistribuzione fra gli Stati membri, e può avere gli effetti di un sistema di ridistribuzione fiscale, che non è previsto dai Trattati europei”.

L’Alta Corte tedesca era stata sollecitata da vari ricorsi: nelle varie audizioni, si erano presentati anche, come avvocato dell’accusa il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, contrario all’Omt (che liquidava paragonandoli alla “distribuzione di droga”), e, per la Bce, in sua difesa, Joerg Asmussen. “La Bce — ha replicato l’istituto di Francoforte in una nota — prende atto dell’annuncio fatto oggi dall’Alta Corte tedesca e ribadisce che il programma Omt rientra nel suo mandato” ha risposto l’istituto guidato da Mario Draghi.

To Top