Verso la manovra. Lotta al contante e taglio cuneo fiscale in estate. Aumenti Iva selettivi?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Settembre 2019 9:48 | Ultimo aggiornamento: 26 Settembre 2019 9:48
Manovra: lotta al contante, aumenti Iva selettivi?

Il premier Giuseppe Conte con il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri (Ansa)

ROMA – Tre ore attorno a un tavolo, a sfogliare tabelle e cifre. Con un nodo da sciogliere: come abbattere il macigno di 23 miliardi di clausole Iva. Giuseppe Conte convoca un vertice di governo a Palazzo Chigi e fa entrare nel vivo il lavoro sulla manovra e la nota di aggiornamento al Documento di economica e finanza. Serviranno altre riunioni: la Nota di aggiornamento al Def chiamata a disegnare il quadro di finanza pubblica per la manovra slitterà a lunedì.

Iva, aumenti selettivi?

Ma qualcosa trapela: tra le ipotesi sul tavolo c’è quella di riordinare le aliquote Iva, lasciando invariata quella ordinaria al 22% ma facendo scattare aumenti selettivi di quelle agevolate: per i cittadini sarebbero però in parte compensati dagli sconti che si stanno studiando per chi paga con carte e bancomat. Ad esempio quella sui ristoranti che ad oggi è al 10%), permettendo poi ai contribuenti di scontare una parte di quanto speso in più, se pagheranno con carta o bancomat. Ma è una misura politicamente sensibile, perché sempre di aumento di tasse si parla (e infatti dal Mef è giunta la smentita).

Deficit al 2,2% sul Pil (M5S spinge per qualche decimale in più

Il lavoro da fare è ancora tanto, per la prima legge di bilancio giallorossa, che partirà con la zavorra di una crescita per il 2020 che dovrebbe essere stimata intorno allo 0,5% o 0,6%. Sul debito grava anche il peso delle mancate privatizzazioni (il governo M5s-Lega aveva indicato 18 miliardi). Quanto al deficit, l’asticella dovrebbe essere fissata al 2,2% sul Pil facendo leva sui margini di flessibilità Ue, nonostante resti la spinta, soprattutto dei Cinque stelle, perché si indichino uno o due decimali in più.

Lotta al contante

In questo quadro, ribadisce Conte ai colleghi di governo, deve inserirsi ogni sforzo del governo per ricavare “svariati miliardi” destinati ad abbassare le tasse da un recupero massiccio dell’evasione fiscale: un “patto con gli italiani” per una forte spinta alla riduzione del contante e all’uso delle carte. Quante risorse si ricaveranno in concreto, per il 2020 e anni successivi, dipende dagli strumenti che si sceglieranno.

E comunque non tutti i miliardi stimati “potranno essere cifrati subito in legge di bilancio”, spiega la sottosegretaria di Leu Cecilia Guerra. Il governo lavora, in asse con l’Abi, a ridurre i costi delle piccole transazioni e a proporre ai cittadini un sistema di detrazioni (o sgravi) Irpef. Ma si sta valutando anche una sorta di cashback, uno sconto da restituire mese per mese. L’idea è un meccanismo il più semplice possibile, per facilitare la vita anche ai tanti anziani abituati al contante.

Cuneo fiscale, taglio in estate

L’obiettivo per il 2020 è soprattutto quello di trovare risorse per tagliare il cuneo fiscale per i lavoratori. Si stanno cercando almeno cinque miliardi e dalla quadra che si riuscirà a trovare dipenderà non solo la consistenza dello sgravio ma anche il mese di avvio della misura: potrebbe partire a gennaio, ma c’è anche l’ipotesi di avviarla in estate, a giugno o luglio. 

240 euro a figlio da 0 a 118 anni

Il Pd, che chiede una manovra ad alto tasso di misure “green”, rilancia intanto il pacchetto per la famiglia che è atteso a ottobre in Aula alla Camera. Con un assegno unico fino a 240 euro al mese per ogni figlio, fino ai 18 anni (80 euro dai 18 ai 26 anni) e fino a 400 euro al mese, da zero a tre anni, per asili nido e babysitter. (fonte Ansa)