Economia

Tirrenia, oggi udienza lampo. Domani si decide sull’insolvenza

Si dovrebbe conoscere domani la decisione del tribunale fallimentare di Roma sull’istanza per la dichiarazione dello stato di insolvenza di Tirrenia presentata dal commissario straordinario Giancarlo D’Andrea. Il collegio, presieduto da Ciro Monsurrò (delegati Francesco Taurisano e Fabrizio Di Marzio), si dovrà esprimere anche sull’eccezione di competenza territoriale presentata dalla Uiltrasporti, secondo la quale il giudizio spetta al tribunale di Napoli, dove ha sede legale il gruppo di navigazione.

Nell’udienza di oggi in camera di consiglio, durata poco più di un’ora, a quanto si è appreso D’Andrea avrebbe fatto una relazione sulla struttura dell’azienda mentre il suo avvocato Andrea Zoppini – affiancato dal collega Aristide Police, nel 2008 presidente per quattro mesi di Alitalia – avrebbe difeso la scelta del Tribunale di Roma per il ricorso, dal momento che nella capitale vengono assunte le decisioni più importanti del gruppo di navigazione.

Uscendo dal tribunale, Police ha spiegato ai cronisti che la decisione sulla competenza territoriale è distinta da quella sull’insolvenza aggiungendo: ”Confidiamo di aver scelto bene il giudice competente”.

Dopo la dichiarazione di insolvenza, il commissario può procedere alla ricerca di acquirenti degli asset che intenderà cedere. Quanto all’eccezione sollevata per volere del segretario generale della Uiltrasporti, Giuseppe Caronia, e ammessa nel procedimento, l’avvocato Massimiliano Vannicola ha spiegato che si chiede di ”rigettare la richiesta di dichiarazione di insolvenza per difetto di competenza territoriale, dichiarando competente il tribunale di Napoli” dove si trova la sede fin dalla sua costituzione, ”la direzione operativa e di armamento della flotta e il centro informativo dell’intero gruppo”.

Inoltre, la Uilt chiede ”di rigettare la richiesta stessa per carenza assoluta dei presupposti di legge” in quanto l’insolvenza, ”a prima vista non appare, ma sembra solo provocata ad arte dal socio unico, che ha all’ultimo momento rifiutato di vendere la società ‘in bonis’ a chi si faceva carico di tutti i debiti societari”.

Per il 30 e 31 agosto prossimi la Uilt ha dichiarato uno sciopero dei lavoratori di tutta la flotta. Una protesta che secondo il patron di Moby Lines, Vincenzo Onorato, decreterebbe ”la definitiva fine della compagnia e a pagarne le spese, oltre ai lavoratori, sarebbe l’intera economia della Sardegna, isola dove Tirrenia prevalentemente opera”.

Onorato ha poi affermato che Tirrenia ”è stata per decenni ”un duumvirato” dell’ex a.d. ”Pecorini e Caronia”, quest’ultimo ha annunciato una querela. Secondo l’armatore napoletano, ”il fallimento della privatizzazione” di Tirrenia dichiarato dalla proprietaria Fintecna (la finanziaria di Stato) che ha escluso l’unico potenziale acquirente, Mediterranea holding, ”risiede nell’aver voluto privatizzarla insieme a Siremar”, mentre ”sono due modelli di business non compatibili: Tirrenia opera su rotte nazionali e Siremar su quelle in Sicilia. Bisogna separare le due gare”.

Onorato ha infine ribadito la disponibilità a rilevare Tirrenia senza Siremar, quindi se verranno fatte due gare distinte, e la volonta’ di fissare il quartier generale in Sardegna che costituisce il ‘core business’.

To Top