”Strangolata con un posacenere”: il meglio dei titoli strani di cronaca ma veri

"La cosa più divertente erano i titoli dati dai direttori che forse non leggevano nemmeno gli articoli, prendevano tre o quattro elementi e sunteggiavano".

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Gennaio 2023 - 11:12 OLTRE 6 MESI FA
Strangolata con un posacenere titoli cronaca

foto dal web

Teresa Cremisi, presidente della casa editrice Adelphi, ha iniziato la carriera collezionando bizzarri titoli di cronaca minore. Il primo libro che ha scritto, “Strangolata con un portacenere” (Bompiani, 1974), è una raccolta di titoli assurdi dei quotidiani ritagliati dal ’70 al ’73. 

”Strangolata con un posacenere”: come nasce il libro di Teresa Cremisi

“Nelle pagine interne – spiega in una intervista a La Repubblica – si sviluppava una specie di sarabanda di storie una più strana dell’altra, il gatto nascosto sotto l’altare in chiesa, la donna sfuggita a quattro assassinii… E la cosa più divertente erano i titoli dati dai direttori che forse non leggevano nemmeno gli articoli, prendevano tre o quattro elementi e sunteggiavano. Sunteggiate, le notizie assumevano una dimensione di puro Ionesco”.

“Mentre facevo il mio lavoro, leggevo e ritagliavo, e dopo quattro anni mi sono ritrovata con buste intere di fogli di giornale. Ho buttato via quelli che alla rilettura erano meno impressionanti e ho cominciato a immaginare di farne un libro. Chiesi consiglio a Umberto Eco, che all’epoca non aveva la fama ottenuta negli anni, ma era un grande semiologo ed era editore da Bompiani. Si entusiasmò e disse: “Non c’è bisogno di scrivere niente, ti faccio io la quarta di copertina e basta”. E così nacque Strangolata con un portacenere che non ebbe alcun successo”.

Strangolata con un posacenere titoli cronaca

foto dal web

strangolata con un posacenere libro

Alcuni titoli bizzarri