“Terremoto pensaci tu”, “morirete come scarafaggi”: razzismo contro i napoletani

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 dicembre 2013 14:39 | Ultimo aggiornamento: 30 dicembre 2013 14:39

NAPOLI – Dopo le scosse di terremoto in Campania e a Napoli una pioggia di insulti razzisti si è riversata su Facebook e altri social network.

Il fenomeno ha ovviamente suscitato un coro d’indignazione tra gli user napoletani e non, alcuni dei quali hanno anche proposto di denunciare i profili da cui sono state postate frasi come ”morirete come scarafaggi” e ”terremoto pensaci tu” o di intraprendere una ”class action”.

Su Twitter in particolare i razzisti si sono esaltati: “Mi dispiace per la gente, ma un po’ di disgrazie al Sud invece che sempre al nord va bene”, si leggeva su un commento. C’è anche chi ha condiviso i video che mostravano la gente per strada a Napoli, con tanto di didascalie imbarazzanti. O chi augurava la morte ai napoletani e ai campani.

Altri hanno azzardato previsioni macabre: “Un altro terremoto e morirete tutti…”.”Dai, è la volta buona che si risveglia il Vesuvio e vi sotterra con i vostri rifiuti”, hanno tweettato altri.

Anche nel profilo Facebook ufficiale della Lega Nord Padania, tra i commenti recenti di una foto non manca un altro commento delirante: “Forza Vesuvio facci sognare”, ha scritto un utente. Senza che i gestori del profilo prendessero provvedimenti o decidessero di censurarlo.