Strage Kabul, Fnsi dedica ai giornalisti afghani la manifestazione del 2 maggio

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 aprile 2018 19:25 | Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2018 19:25
Strage Kabul, Fnsi dedica ai giornalisti afghani la manifestazione del 2 maggio

Strage Kabul, Fnsi dedica ai giornalisti afghani la manifestazione del 2 maggio

ROMA – Sarà dedicata ai giornalisti afghani la manifestazione del 2 maggio, vigilia della Giornata mondiale per la libertà di Stampa, e dedicata alla “Informazione accerchiata“.

L’iniziativa è promossa da Federazione nazionale della Stampa italiana, Usigrai, Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Articolo21, Odg Lazio, Amnesty International Italia, Rete NoBavaglio.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

In un comunicato il segretario Raffaele Lorusso e il presidente Fnsi Giuseppe Giulietti, annunciano di voler dedicare l’incontro ai 9 cronisti rimasti uccisi nella strage di Kabul.

“Nove cronisti sarebbero stati uccisi in seguito al grave attentato che ha colpito, ancora una volta, la città di Kabul e che ha ucciso oltre 50 persone. Secondo una prima ricostruzione i terroristi hanno deliberatamente colpito il gruppo di cronisti considerati una presenza insopportabile da chi ha bisogno del buio per portare a compimento il proprio disegno criminoso”.

Si tratta, prosegue la Fnsi,

“di una delle più gravi stragi di giornalisti mai realizzate. Dal momento che abbiamo manifestato e urlato il nostro #jesuischarlie per le stragi compiute a pochi chilometri da casa nostra, non possiamo che far sentire il nostro #jesuiskabul e chiedere a tutti noi di dare voce a chi, in Afghanistan, ancora si batte per riparare ai guasti prodotti ieri dalle “Nostre” bombe e oggi da un terrorismo integralista che colpisce chiunque si opponga al suo disegno, senza distinzione di fede religiosa e colore della pelle”.

La manifestazione del 2 maggio, dedicata alla libertà di informazione, e che si svolgerà al liceo Mamiani di Roma sarà dunque dedicata ai giornalisti afghani e “sarà aperta da una loro testimonianza”.